Stavano solamente aspettando gli aiuti alimentari: ecco a voi le immagini choc dell’ennesima strage di civili compiuta dall’esercito israeliano appoggiato dalla peggio feccia mondiale. Italia inclusa

Spari su chi attendeva aiuti, oltre 100 morti a Gaza
I palestinesi denunciano un massacro da parte israeliana – Il bilancio delle operazioni militari nella Striscia ha ormai superato i 30’000 morti

tratto da RSI Televisione Svizzera Italiana

Il ministero della sanità di Gaza ha rivisto al rialzo, da 70 ad almeno 104 morti, il bilancio di una strage avvenuta giovedì mattina in un punto di distribuzione di aiuti alimentari a Gaza City. I feriti fin qui recensiti sono 760, troppi perché gli ospedali della zona riescano a farsi carico di tutti.

I soldati israeliani hanno aperto il fuoco contro la folla di migliaia di persone che si accalcava per ritirare le razioni. I contorni dell’accaduto cominciano a chiarirsi. In un primo tempo, l’esercito di Israele ha affermato di non essere a conoscenza di bombardamenti in quell’area. In seguito, fonti militari hanno riconosciuto che “durante l’ingresso dei camion degli aiuti nel nord di Gaza, residenti hanno circondato i veicoli” e “hanno saccheggiato le forniture”. I soldati che seguivano il convoglio si sono sentiti accerchiati e minacciati e hanno quindi sparato. Dozzine di persone sarebbero state calpestate dalla calca, ha dichiarato un portavoce. Altre ancora sarebbero state investite dai camion stessi, che hanno cercato di allontanarsi dall’area.

Il massacro è stato condannato dal presidente dell’Autorità nazionale palestinese Mahmud Abbas e da Hamas. Secondo il movimento islamico, rischia di far saltare i negoziati in corso con la mediazione qatariota, in vista di una nuova tregua che permetta anche il rilascio degli ostaggi ancora nelle sue mani. C’è l’auspicio che questa sia predisposta in tempo per il Ramadan, il mese sacro ai musulmani che comincia fra il 10 e l’11 marzo, ma l’intesa non appare dietro l’angolo.

In queste ore è stato annunciato anche il nuovo bilancio complessivo dell’attacco israeliano, che ha superato ormai i 30’000 morti. In gran parte si tratta di donne e minorenni. Israele afferma di aver ucciso oltre 10’000 combattenti, ma il dato non è verificabile. I feriti sono più di 70’000.

La situazione umanitaria nella Striscia è tragica da settimane, cibo e acqua scarseggiano. L’ONU stima che 2,2 milioni di persone siano minacciate da carestia. Gran parte della popolazione è sfollata e si è ammassata a Rafah. Israele sta preparando però una nuova fase della sua offensiva di terra, che andrebbe a colpire anche questo ultimo rifugio, a ridosso del confine con l’Egitto. Secondo Volker Türk, l’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, l’attacco sarebbe incompatibile con quanto stabilito dalla Corte internazionale di giustizia dell’Aia, che a febbraio aveva imposto a Israele di evitare qualsiasi atto di genocidio.

LA STRAGE E I MANOVRATORI
di Pino Cabras da Facebook
L’orribile massacro compiuto oggi, 29 febbraio 2024, dall’esercito meno morale del sistema solare, che ha ucciso 104 abitanti della Striscia e causato 760 feriti tra la folla che attendeva aiuti umanitari, è di una scala dieci volte più grande rispetto alla strage compiuta in Iraq il 12 luglio 2007 dall’esercito statunitense. Ci vollero quasi tre anni per vedere il video intitolato “Collateral Murder” rivelato da Wikileaks, che scandalizzò il mondo e fece nascere il nuovo giornalismo di Assange.
Questa volta non sono occorsi tre anni: abbiamo l’orrore praticamente in diretta, istantaneo, alla portata di un clic. È presto per dire se lo shock travolgerà le coscienze e costringerà finalmente i sepolcri imbiancati delle cancellerie occidentali a bandire la classe dirigente genocidiaria raccolta intorno a Netanyahu per processarla in blocco come merita. I primi segnali sono tiepidi come una coscienza sporca. Questa strage è figlia – tra gli altri – anche della ministra degli esteri tedesca Annalena Baerbock, quella che dice che «Israele ha a cuore la gente di Gaza, i palestinesi» (a proposito, verdi italiani, vi presentate alle elezioni europee con questi guerrafondai, complimenti!).
Ieri il Parlamento Europeo ha tributato tutti gli onori a chi vuole trascinare l’intero continente verso un’escalation che trasformerebbe le economie europee in una fabbrica di munizioni e in una fornitura di carne giovane al servizio dei colonizzatori anglosassoni. La strage degli innocenti di stamane è il sinistro preludio di quel che i sonnambuli delle classi dominanti vogliono riservare alle moltitudini. È un orrore a cui vorrebbero associare la nostra assuefazione per renderci apatici e non disturbare il manovratore. Dobbiamo disturbare il manovratore.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Settecento impiegati licenziati con un 'clic' in una sola azienda: ecco a voi il risultato finale dell'intelligenza artificiale applicata alle aziende

Next Article

“Malattia grave, necessario il vaccino” Zuccavuota bassetti oltre il ridicolo! Dopo la fuffa sulla dengue, ci riprova con l'ennesimo allarme farlocco

Related Posts