Gli anticorpi della sottoclasse IgG4 potenziano i tumori esistenti: nel mirino i tanti casi di cancro fulminante e il sacro siero

di Alba Canelli per Telegra.ph

I vaccini anti-COVID a mRNA, precedentemente non utilizzati al di fuori degli studi su piccoli animali da laboratorio, sono stati somministrati a miliardi di persone dopo studi clinici superficiali e affrettati. Come gli scienziati hanno appreso nel 2022, i vaccini mRNA causano un “passaggio di classe” agli anticorpi IgG4. Un altro studio ha scoperto che questa specifica sottoclasse di anticorpi è associata a una crescita più aggressiva del cancro e causa una malattia tumorale iperprogressiva nei topi e nell’uomo.

Qualche tempo fa, questo blog ha esplorato una classe unica e rara di anticorpi chiamata IgG4, causata da iniezioni ripetute di vaccini COVID mRNA.

Questi anticorpi IgG4 vengono solitamente creati in risposta a sostanze irritanti persistenti come i vermi. Sfortunatamente, le iniezioni ripetute del vaccino Covid mRNA sono percepite dal nostro sistema immunitario come un “irritante persistente” e causano il passaggio degli anticorpi IgG4.

L’effetto “irritazione persistente” probabilmente si verifica non solo a causa delle iniezioni ripetute ma anche a causa dell’espressione genetica dell’mRNA che non si ferma mai nella metà delle persone vaccinate.

Questi anticorpi IgG4 sono innocui? Hanno qualche effetto al di fuori delle nostre reazioni immunitarie al COVID-19? C’è qualcosa di cui preoccuparsi?

Sfortunatamente, uno studio del 2020 pubblicato sul Journal for Immunotherapy of Cancer del British Medical Journal suggerisce che avere più anticorpi IgG4 – di QUALSIASI tipo – migliora la progressione del cancro. Lo studio di Wang et al. è stato fatto due anni prima della scoperta del passaggio alla classe di anticorpi IgG4 correlata al vaccino mRNA.

Gli autori dello studio hanno scoperto effetti di potenziamento del cancro di qualsiasi anticorpo IgG4 nelle persone e nei topi di laboratorio.

RISULTATI: In una coorte di pazienti con cancro esofageo abbiamo scoperto che i linfociti B contenenti IgG4 e la concentrazione di IgG4 erano significativamente aumentati nel tessuto tumorale e le concentrazioni di IgG4 aumentavano nel siero dei pazienti con cancro. Entrambi erano positivamente correlati all’aumento della malignità del cancro e alla prognosi sfavorevole, vale a dire che più IgG4 sembravano associarsi a una crescita più aggressiva del cancro. Abbiamo inoltre scoperto che IgG4, indipendentemente dalla sua specificità antigenica, inibisce le classiche reazioni immunitarie di citotossicità cellulo-mediata anticorpo-dipendente, fagocitosi cellulare anticorpo-dipendente e citotossicità complemento-dipendente contro le cellule tumorali in vitro, e questi effetti sono stati ottenuti attraverso la sua Fc frammento che reagisce ai frammenti Fc di IgG1 specifici per il cancro che sono stati legati agli antigeni del cancro. … Abbiamo scoperto che l’applicazione locale di IgG4 ha accelerato significativamente la crescita dei tumori al seno e del colon-retto inoculati e del papilloma cutaneo indotto da agenti cancerogeni. Abbiamo anche testato il farmaco anticorpale per l’immunoterapia antitumorale nivolumab, che era di natura IgG4 con una mutazione stabilizzante S228P, e abbiamo scoperto che promuoveva significativamente la crescita del cancro nei topi. Ciò potrebbe fornire una spiegazione alla nuova malattia iperprogressiva talvolta associata all’immunoterapia antitumorale.

Gli scienziati forniscono un’eccellente spiegazione della sottoclasse di anticorpi IgG4:

L’IgG4 è un anticorpo unico che ha la concentrazione più bassa tra i sottotipi di IgG negli individui sani e la sua funzione non è stata ben compresa. L’IgG4 era considerato un “anticorpo bloccante” a causa della sua ridotta capacità di innescare reazioni immunitarie effettrici. Pertanto, qualunque sia la molecola a cui reagisce l’IgG4, la successiva reazione immunitaria è stata attenuata.

Lo studio descrive in dettaglio l’indagine multidimensionale di Wang et al. sulle IgG4 in un’ampia gamma di pazienti affetti da cancro e tessuti con esperimenti sia in vitro che in vivo. Ancora una volta, questa ricerca è stata condotta nel 2020, ben prima che si potessero vedere gli effetti dei vaccini Covid sulle IgG4.

Dopo aver raccolto campioni di sangue e tessuti da 82 pazienti, gli scienziati hanno scoperto che livelli maggiori di IgG4 erano associati a un grado più elevato (il grado del cancro è il grado di malignità del tumore) e a una prognosi sfavorevole.

Gli anticorpi IgG4 causano esiti peggiori del cancro o i tumori peggiori creano più IgG4? Cos’è il cavallo e cos’è il carro qui?

Il resto dello studio scientifico cerca di rispondere a questa domanda e gli scienziati concludono che le IgG4 determinano la malignità e l’aggressività dei tumori nella vita reale che hanno osservato.

Hanno scoperto che anche le IgG4 non specifiche per il cancro inibiscono le reazioni immunitarie alle cellule tumorali. Poiché esperimenti umani di questo tipo non sarebbero etici, gli autori hanno invece sperimentato modelli murini:

Ho illustrato l’immagine fornita dagli scienziati e ho cerchiato i tumori più grandi – e gli aumenti di dimensione del tumore – che hanno riscontrato dopo le iniezioni di IgG4:

Gli autori descrivono la malattia iperprogressiva che si verifica a causa di alcuni anticorpi monoclonali nivolumab a base di IgG4, nonostante le precedenti speranze sulla loro potenziale utilità.

La recente consapevolezza della malattia iperprogressiva (HPD) associata al trattamento con anticorpi monoclonali anti-PD-1 e anti-PD-L1 per il cancro ha attirato l’attenzione diffusa, 61–65 ma non è arrivata alcuna spiegazione consensuale per questo fenomeno. L’HPD sembrava essere una complicanza comune per l’immunoterapia con nivolumab in molti tipi di cancro, tra cui il carcinoma a cellule squamose della testa e del collo,61 il cancro del polmone non a piccole cellule,62 il cancro gastrico66 e così via. I nostri risultati suggeriscono che questi farmaci anticorpali IgG4 potrebbero avere effetti collaterali indesiderati di inibizione delle risposte immunitarie locali e promuovere indirettamente la crescita del cancro. Quando la molecola bersaglio specifica è presente nel cancro, questi farmaci anticorpali IgG4 potrebbero essere efficaci. Tuttavia, quando gli obiettivi sono assenti o scarsi, l’effetto inibitorio immunitario delle IgG4 potrebbe prevalere e accelerare la crescita del cancro. Questo possibile effetto dannoso delle IgG4 potrebbe contribuire all’HPD nei pazienti trattati con farmaci mirati al PD-1 con struttura IgG4.

Cos’è la “malattia iperprogressiva”? Naturalmente è la stessa cosa di “turbo-cancro”, ma è un termine scientifico più appropriato.

Gli autori concludono:

Conclusione

Sembra esserci un meccanismo di evasione immunitaria precedentemente non riconosciuto in cui le IgG4 svolgono un ruolo essenziale nel microambiente del cancro con implicazioni nella diagnosi del cancro e nell’immunoterapia.

Aumentano le morti per cancro in Australia

Sfortunatamente, sono ufficialmente disponibili relativamente poche statistiche recenti sul cancro. Un ricercatore su Internet chiamato Ethical Skeptic ha scoperto alcuni recenti numeri allarmanti. Non voglio evidenziare nessuno dei suoi risultati specifici perché non ho ancora potuto verificarli personalmente, ma i miei lettori potrebbero darne uno sguardo critico.

Tuttavia, ciò che è disponibile è un aumento del 7% circa dei decessi per cancro segnalati in Australia, un paese altamente vaccinato. Poiché i tumori in genere impiegano anni per svilupparsi e crescere, tale aumento è preoccupante, dato che sono passati solo due anni da quando gli australiani hanno ricevuto i loro vaccini “sicuri ed efficaci”.

Una speranza per i vaccinati

Questo blog non fa mai previsioni a buon mercato nei confronti delle persone vaccinate e non fa previsioni infondate e disastrose non supportate da prove. Preferirei rinunciare a ulteriori clic e abbonati piuttosto che disinformare i miei lettori. Vorrei riassumere le mie ragioni per sperare che queste scoperte biologiche lascino illese alcune persone:

  • Stiamo solo iniziando a comprendere gli effetti degli anticorpi IgG4 sul cancro
  • Solo circa la metà delle persone vaccinate produce anticorpi IgG4 in quantità

Anche se gli esperimenti hanno mostrato aumenti delle IgG4 nel tempo, questi anticorpi potrebbero diminuire nel lungo periodo

Nessuna prova fino ad oggi suggerisce che gli anticorpi IgG4 causino il cancro: le prove indicano solo che potenziano e accelerano i tumori esistenti.

Ciò che le prove mostrano è che alcuni tumori, possibilmente curabili prima delle iniezioni di mRNA, possono diventare aggressivi e difficili da trattare, una condizione che gli autori dello studio del BMJ chiamano “malattia iperprogressiva”.

Spero e prego che il numero di persone affette da “malattia iperprogressiva” sia basso – e spero che i miei lettori siano d’accordo con questa affermazione.

Igor Chudov

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Sciame sismico anche nel pomeriggio: paura e gente in strada. Ancora colpito il centro Italia

Next Article

Terremoto in centro Italia, gente in strada, notte di paura in tutta la provincia di Terni

Related Posts