Quando il rapinatore punta il coltello alla persona sbagliata: non sapeva di aver assalito un campione di arti marziali. Immobilizzato con una sola mossa

L’agguato al lottatore Mma all’alba in un parcheggio di Miami (VIDEO)

A immortalare i fatti le telecamere di sicurezza del parcheggio: la vittima designata era Javier Baez, un importante carriera da lottatore Mma, il rapinatore, in questo caso va definito “malcapitato”, si chiama Omar Marrero. 

I fatti sono accaduti alle 4 del mattino di mercoledì 1 novembre, Baez ha respinto l’uomo che brandiva un coltello. Le riprese di sorveglianza del parcheggio hanno mostrato Baez mentre para il colpo, solleva l’aggressore come un fuscello e lo getta vigorosamente a terra. Baez è diventato uno dei personaggi più intervistati dai talk show americani.  «Quando ti alleni ogni giorno, non ci pensi, viene tutto naturale. L’ho messo con la pancia a terra, gli ho messo il ​​ginocchio sulla schiena e ho chiamato la polizia», ha detto l’ex campione di Mma.

Baez è diventato l’idolo del talk show: “Se non avete la mia preparazione scappate via”

Il filmato, che è diventato rapidamente virale anche sui Social, mostra la fine della colluttazione. Uno scontro decisamente impari, nonostante Marrero impugnasse un coltello da 36 centimetri. Il rapinatore si è avvicinato alla vettura di Baez, nel quale era seduto il lottatore Mma. «Ha bussato al finestrino della mia auto. Gli ho detto di lasciarmi in pace, e poi mi è venuto incontro con un coltello. Gli ho detto di lasciarmi in pace altrimenti chiamavo la polizia. La mia sola preoccupazione era che mi rompesse il finestrino».

Per evitare danni alla vettura, Baez è sceso dall’auto, a quel punto Marrero ha afferrato un secondo grosso coltello tentando di colpire la vittima designata. Il giornalista della Cbs ha chiesto a Baez come il suo passato di esperto nelle arti marziali miste lo abbia aiutato a superare una situazione così pericolosa. «Sono rimasto calmo, ho mantenuto l’equilibrio, ho mantenuto la calma», ha spiegato Baez. «Potevo fargli molto male, ma l’ho semplicemente neutralizzato». A precisa domanda: «Cosa suggerisci ad altri che potrebbero non avere la tua formazione se affrontano una situazione simile?», la risposta di Baez è stata molto pragmatica: «Non fate come me, restate in macchina e chiamate la polizia oppure scappate via».

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Omicidio di Giulia, la criminologa Bruzzone sin dalla diffusione della notizia del video del pestaggio aveva previsto che avrebbe fatto una tragica fine

Next Article

Omicidio di Giulia, il mistero sulla fuga del fidanzato infame: appena poche ore prima del ritrovamento del corpo dell'ex fidanzata, è stato confermato il passaggio della Fiat Punto oltreconfine

Related Posts