Un genovese si reca in macelleria, intenzionato ad acquistare un coniglio da fare in padella. Vede esposti vari conigli, di vari prezzi e chiede delucidazioni all’esercente: “Mi dica, come mai ci sono queste differenze di prezzo? Ce ne sono da 15 euro, e ce n’e’ pure uno da un solo euro? Perche’? Ma sono buoni?”.

Un genovese si reca in macelleria, intenzionato ad acquistare un coniglio da fare in padella. Vede esposti vari conigli, di vari prezzi e chiede delucidazioni all’esercente: “Mi dica, come mai ci sono queste differenze di prezzo? Ce ne sono da 15 euro, e ce n’e’ pure uno da un solo euro? Perche’? Ma sono buoni?”.

E il macellaio: “Guardi… i conigli da 15 sono animali perfetti, cresciuti in modo naturale, spazio, movimento, gli altri, piu’ o meno… cambia magari l’alimentazione, forse hanno fatto meno moto… comunque si tratta di animali di buona qualita’ “.

“E quello la’, quello da un euro?”.

“Quello? Meglio lasciar perdere… e’ un coniglio che viene da un laboratorio di ricerca… l’hanno usato per fare esperimenti, l’hanno siringato con schifezze inenarrabili… e poi ha pure l’AIDS!”.

“L’AIDS? Beh, mi dia pure quello li’! Me lo devo mangiare, mica lo devo inc*lare!”

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Sciame sismico a Napoli, il Vesuvio osservato speciale: il geologo che lo studia da anni lancia l'allarme e avverte che non si riesce a prevedere con un anticipo utile ad evacuare la popolazione

Next Article

Il sacro siero mi ha provocato un tumore, ma se lo racconto sui social vengo immediatamente censurato: il doppio racconto choc del giornalista che spesso viene ospitato dal blog di Nicola Porro

Related Posts