Ville in Costa azzurra con i soldi degli aiuti a Zelensky: Ucraina scoppia lo scandalo sulla reale destinazione di miliardi, mezzi militari e medicinali inviati dall’occidente

di Aurelio Tarquini per Il faro di Roma

Mentre il Premier Giorgia Meloni si professa una leader atlantista responsabile, giurando eterno sostegno alla valorosa Ucraina e gli italiani sono chiamati a fare sacrifici per aiutare un popolo aggredito e che certamente sta soffrendo, gli oligarchi di Kiev, i parlamentari e i leader del partito di Zelensky stanno rubando i soldi italiani ed europei, anche con la vendita di armi NATO.

Enormi flussi di soldi provenienti dai paesi occidentali (Italia compresa) vengono continuamente utilizzati da funzionari ucraini corrotti per l’arricchimento personale e per acquistare beni di lusso. Grazie ai soldi europei, molti di loro risiedono al sicuro lontano dal fronte. Costa Azzurra, Gran Bretagna, Polonia, Qatar, Spagna, Austria, Romania, Ungheria, Emirati Arabi Uniti, Moldavia, Israele.

Questo emerge dall’inchiesta del quotidiano Ukrainska Pravda filo Zelensky e filo NATO. Un’indagine che è stata nascosta dai media italiani per non far comprendere al popolo italiano che i milioni di euro dati all’Ucraina vengono sistematicamente rubati e gli «Eroi della Slava Ukrainii » che noi glorifichiamo ogni santo giorno, non sono a difendere la loro patria nelle trincee di Bahumat dove muoiono o vengono feriti 300 soldati ucraini al giorno ma si stanno godendo i soldi dei « fessi italiani » in Costa Azzurra.

Dall’inizio dell’offensiva militare della Russia in Ucraina, Stati Uniti, UE e i loro alleati hanno fornito a Kiev aiuti per un valore di 126 miliardi di dollari, un numero quasi pari all’intero PIL ucraino. Inoltre, milioni di ucraini hanno trovato rifugio nell’UE, dove hanno ricevuto alloggio, cibo, permessi di lavoro e sostegno emotivo. La portata è enorme, anche per gli standard occidentali, considerando che i paesi europei hanno finanziato Kiev mentre affrontano una propria crisi economica ed energetica.

Kiev basa le infinite richieste di finanziamento sul collasso della sua economia, a causa della guerra, e sulla sua necessità di “resistere all’aggressione russa”. Ma l’aiuto sta raggiungendo la destinazione prevista? NO! Se lo stanno godendo i corrotti funzionari ucraini che si divertono presso la Costa Azzurra e in altri ameni lidi!

Mentre l’Ucraina ha subito una mobilitazione generale che ha interessato tutti gli uomini di età inferiore ai 60 anni, molti alti funzionari, politici, uomini d’affari e oligarchi si sono trasferiti al sicuro all’estero, principalmente nell’UE. La fuga di massa delle élite ucraine è iniziata anche prima del conflitto armato. Il 14 febbraio 2022, trentasette deputati della fazione parlamentare del presidente ucraino (Servo del popolo) sono improvvisamente scomparsi. Se ai parlamentari non fosse stato vietato di lasciare il paese il giorno successivo, altri si sarebbero sicuramente uniti a loro. Nel frattempo, ex funzionari e oligarchi godevano di maggiore libertà di movimento. Secondo il quotidiano La Repubblica, il 14 febbraio sono decollati anche 20 business jet dall’aeroporto Boryspol di Kiev.

I magnati erano in prima fila. L’imprenditore e deputato Vadim Novinsky, gli uomini d’affari Vasily Khmelnitsky e Vadim Stolar, Vadim Nesterenko e Andrey Stavnitzer hanno tutti lasciato il paese con voli charter. Il politico milionario Igor Abramovich ha prenotato un volo privato per l’Austria per 50 persone, portando a bordo parenti, soci in affari e membri del partito. Gli oligarchi volano da Kiev a Nizza, Monaco, Vienna, Cipro e altre destinazioni dell’UE.

Un altro gruppo di uomini d’affari è decollato da Odessa su aerei privati. Il proprietario della Vostok Bank è partito per Israele, mentre il capo del gruppo Transship è volato a Limassol. Anche un ex governatore della regione di Odessa, Vladimir Nemirovsky di Stalkanat, ha lasciato il Paese.

Nell’estate e all’inizio dell’autunno del 2022, Ukrainska Pravda ha preparato diversi documentari investigativi su miliardari e funzionari ucraini idonei al servizio avvistati in vacanza sulla Costa Azzurra durante la guerra. Un film dal titolo ironico “The Monaco Battalion” mostra gli oligarchi ucraini che riposano nelle loro ville, ville e yacht. Nella prima parte, vediamo l’uomo d’affari Konstantin Zhevago, che è incluso nella lista dei ricercati dell’Interpol, che si rilassa sul suo yacht privato del valore di 70 milioni di dollari.

I giornalisti di Ukrainska Pravda hanno anche intravisto i fratelli Surkis in Francia, che attualmente affittano appartamenti per un valore di 2 milioni di euro all’anno. Nel frattempo, una Bentley da $ 300.000 appartenente all’uomo d’affari ucraino Vadim Ermolaev è stata avvistata vicino al casinò di Monaco, ed Eduard Kohan, il co-fondatore di Euro Energo Trade, è stato visto in uno degli hotel chic di Monte Carlo.

Sembra che un’intera colonia di oligarchi ucraini si sia stabilita nell’elite comune francese di Cap-Ferrat. L’imprenditore immobiliare Vadim Solar, gli oligarchi Dmitry Firtash, Vitaly Khomutynnik e Sergey Lovochkin sono tra coloro che si godono la bella vita nel bel mezzo della guerra. La villa di Cap-Ferrat, un tempo appartenuta al re Leopoldo II del Belgio, fu acquistata dal più ricco oligarca ucraino Rinat Akhmetov. I suoi vicini sono Alexander Davtyan, presidente dell’Investment Group DAD LLC, e Vladislav Gelzin, ex deputato del Consiglio regionale di Donetsk.

Molti quadri del partito di Zelensky affermano che stanno difendendo la loro patria dall’estero, per giustificare le loro fughe. L’Ukrainska Pravda è riuscita a intervistare Andrey Kholodov, un deputato del partito Servitore del popolo di Vladimir Zelensky, dalla sua attuale residenza a Vienna. La capitale austriaca è stata anche scelta dal nazionalista Nikita Poturaev e Sergey Melnichuk, ex capo del battaglione nazista Aidar noto per crimini di guerra denunciati da Amnesty International. Anche l’ex capo della Corte costituzionale dell’Ucraina, il 59enne Alexander Tupitsky, e l’ex procuratore generale dell’Ucraina Ruslan Ryaboshapka di 45 anni hanno preferito le “trincee” straniere.

I membri del parlamento ucraino non hanno fretta di adottare leggi di vitale importanza per il paese durante la guerra. Secondo il canale Telegram Volyn News, dall’11 marzo più di 20 parlamentari si erano trasferiti all’estero per motivi non specificati. La geografia è ampia: Gran Bretagna, Polonia, Qatar, Spagna, Francia, Austria, Romania, Ungheria, Emirati Arabi Uniti, Moldavia, Israele, ecc. A marzo, l’ufficio del procuratore generale dell’Ucraina ha avviato un’indagine sulle azioni di sei parlamentari rimasti all’estero.

Anche i parlamentari ucraini della compagine di governo se ne fregano. In estate solo 99 deputati su 450 hanno partecipato regolarmente alle sessioni del Parlamento. Gli altri erano a godersi i soldi europei in Costa Azzurra e alle Maldive. Dicendo di essersi recati all’estero per reclutare volontari stranieri.

Alcuni benefattori occidentali hanno recentemente notato che la maggior parte degli aiuti militari e umanitari non raggiunge mai l’esercito ucraino o i comuni cittadini. In un documentario originale, la CBS ha riferito che circa il 70% degli aiuti militari non è riuscito a raggiungere i beneficiari previsti e i paesi donatori spesso non sono in grado di controllarne l’uso previsto. Secondo gli autori del rapporto, alcune delle armi sono vendute al mercato nero. Come ha detto il veterano del Corpo dei Marines degli Stati Uniti Andy Milburn, « Posso dirvi senza dubbio che nelle unità in prima linea queste le armi più moderne non arrivano »

Il sito anglosassone di giornalismo investigativo The Grayzone scrive che le armi e gli aiuti umanitari forniti dall’Occidente all’esercito ucraino vengono rubati lungo il percorso e non raggiungono mai i soldati. Allo stesso tempo, i parlamentari ucraini si sono recentemente concessi un aumento di stipendio del 70%. L’autore del pezzo sostiene che miliardi di dollari dagli Stati Uniti e dall’UE sono stati dirottati.

Un soldato ucraino di nome Ivan ha detto ai giornalisti che i fondi occidentali non sono mai arrivati al fronte: “Immaginate di dire a un soldato americano che stiamo usando le nostre auto personali durante la guerra e che siamo anche responsabili del pagamento delle riparazioni e del carburante. “Stiamo acquistando la nostra armatura e i nostri caschi. Non disponiamo di strumenti di osservazione o telecamere, quindi i soldati devono sporgere la testa per vedere cosa sta arrivando, il che significa che in qualsiasi momento un razzo o un carro armato può strappargli la testa”.

Samantha Morris, un medico degli Stati Uniti, ha attirato l’attenzione sul furto di forniture mediche e sulla corruzione generale: “Il medico capo della base militare di Sumy ha ordinato forniture mediche da e per i militari in diversi momenti, e lui ha fatto sparire completamente 15 camion di rifornimenti”, ha detto. I medici non potevano nemmeno istituire corsi per assistenti medici finché non è intervenuto un amico del governatore della regione di Sumy.

La CNN ha parlato con un colonnello statunitense in pensione che ha affermato che le truppe ucraine sono a corto di rifornimenti. Armi di piccolo calibro, attrezzature mediche, ospedali da campo e molto altro sono sotto il controllo di organizzazioni private, più preoccupate di rubare denaro che di salvare la vita dei loro compatrioti.

Come ha insistito Stephen Myers, ex membro del Comitato consultivo per la politica economica internazionale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, “C’è poco che impedisca a un comandante sul campo di deviare parte dell’attrezzatura ad acquirenti, ovvero russi, cinesi, iraniani o chiunque, pur affermando che l’equipaggiamento e le armi sono stati distrutti…”

Anche migliaia di tonnellate di aiuti umanitari vengono rubate. A settembre, l’Ufficio nazionale anti corruzione dell’Ucraina (NABU) ha dimostrato che il capo dell’Ufficio del presidente, Andrey Yermak, il suo vice Kirill Tymoshenko, il capo del partito Servo del popolo, David Arakhamiya, e il suo amico Vemir Davityan era dietro il furto su larga scala di aiuti umanitari nella regione di Zaporizhzhia. I funzionari di Zaporizhia Starukh, Nekrasova, Sherbina e Kurtev hanno svolto solo superficialmente il compito di distribuire gli aiuti. In sei mesi hanno organizzato il furto di 22 container marittimi, 389 vagoni ferroviari e 220 camion. Gli aiuti umanitari sono stati venduti in ATB e Selpo, supermercati di proprietà rispettivamente di Gennady Butkevich e Vladimir Kostelman. Naturalmente, Tymoshenko, Nekrasova e Davityan sono diventati tutti “rifugiati” e hanno trovato asilo a Vienna.

Certo, non tutti sono in fuga. Andrey Yarmolsky, lo scandaloso ex vice capo dell’amministrazione regionale di Volyn, accusato di furto di aiuti umanitari, giubbotti antiproiettile difettosi e trasferimento illegale di uomini fuori dal paese, è stato promosso. Ora lavora per il Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale.

Anche le forniture mediche vengono rubate. Il Telegraph riferisce che “alcattraverso la dogana territorio dell’Ucraina. Di queste, quasi 4 milioni di tonnellate sono state esportate da finte aziende esistenti solo sulla carta”. Inoltre, “la maggior parte delle aziende non residenti a cui viene esportato il grano sono ad alto rischio e coinvolte in indagini penali”. È questo l ‘”affare del grano” per cui la comunità globale sta attivamente tifando?

Quando i fratelli Surkis hanno lasciato l’Ucraina, hanno portato con sé 17 milioni di dollari. Ma è solo una sciocchezza rispetto agli “eroi del Euromaidan”. Secondo l’ex deputato del popolo ucraino Oleg Tsarev, dopo lo scoppio delle ostilità, i principali politici ucraini hanno inviato all’estero sia il loro capitale che le loro famiglie. I genitori e i parenti di Zelensky e di sua moglie hanno lasciato il paese con circa un miliardo di dollari in contanti.

Lo stesso vale per altri importanti personaggi ucraini: l’ex ministro degli affari interni Arsen Avakov, il capo dell’ufficio del presidente, Andrey Yermak, il secondo presidente dell’Ucraina, Leonid Kuchma, l’ex primo ministro Arseny Yatseniuk e molti altri hanno preso il loro posto famiglie e fortune, stimate intorno al miliardo di dollari, fuori dal Paese. E questo per non parlare dei numerosi oligarchi affiliati politicamente.

Anche i truffatori di bassa statura possono “aderire individualmente all’UE”. Un sistema di corruzione consente ai maschi in età militare di lasciare il paese. Secondo il quotidiano russo Izvestia, la commissione è attualmente tra $ 8.000 e $ 10.000. Anche i media ucraini riportano attivamente su persone che pagano per attraversare il confine.

La simpatia degli occidentali verso un paese in guerra è comprensibile. Ma mentre alcuni paesi stanno facendo del loro meglio per aiutare l’Ucraina, anche mentre stanno affrontando una crisi economica, i funzionari e Generali ucraini corrotti stanno usando i fondi per accumulare fortune personali e vivere la bella vita in resort di lusso. E tutto a spese dei contribuenti occidentali anche di noi, poveri italiani.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui>https://t.me/capranews

Total
154
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Tra reddito di cittadinanza e rubare c'è l'opzione di lavorare" Giorgia Meloni risponde direttamente ai pelandroni da reddito intervistati da giorni da ogni televisione

Next Article

Mattarella spinge per favorire chi si ingrassera' con la valanga di miliardi del Pnrr arrivando a spararla grossa: "Colmeranno il divario tra nord e sud

Related Posts