L’iniziativa choc per far diventare i giovani dei delatori infami come fu ai tempi del covid Alessandro Gassmann: una app per sostituirsi ai vigili urbani e fare segnalazioni in cambio di denaro

dalla pagina Facebook di Giorgio Bianchi

La Svezia punta sui piccoli kapo e sui delatori infami.
Per ora gli spioni si occuperanno solo delle auto parcheggiate male. Per ora…
Pochi vigili? Arriva l’app per segnalare chi parcheggia male e guadagnare soldi. Come funziona.
Scout Park consente di mandare foto di vetture in sosta selvaggia e guadagnare soldi: circa quattro euro ogni sanzione fatta.
Chi la può utilizzare
Per iscriversi bisogna avere più di 16 anni, un numero di cellulare e un codice fiscale svedese. “Scout Park ti trasforma in un parcheggiatore” si legge sul sito ufficiale dell’app, che una volta scaricata istruisce l’utente sulle regole in vigore in zone specifiche della città, rilevabili cliccando sulla mappa integrata. Una volta selezionata l’area d’interesse e lette le regole stradali valide per la zona specifica, l’utente potrà scattare una foto dell’auto da segnalare (riportando anche la targa) da caricare sull’app.
Permettendo agli utenti di indossare la maschera dei giustizieri cittadini, l’applicazione risulta essere espressione di un tipo di giustizia partecipativa tecnologica, che avviene sempre più online, in cui lo smartphone è sia prolungamento dell’utente e che strumento di lavoro, occasionale e a cottimo. Un vantaggio per tutti, forse un po’ meno per chi verrà multato, anche se giustamente, in cambio di pochi euro.
Carenza di vigili? Una nuova app permette di segnalare chi parcheggia in divieto di sosta e guadagnare
L’app è stata pensata per contribuire a migliorare la viabilità urbana, consentendo a chi segnala di guadagnare qualche euro. Peccato che per ora è attiva solo in Svezia…

Nella giungla urbana delle città, trovare parcheggio può essere un vero e proprio incubo. E in tanti lo fanno dove non consentito. Ma ora, c’è una soluzione innovativa per migliorare questa situazione: Scout Park, un’app svedese che consente agli utenti di segnalare veicoli parcheggiati male e persino guadagnare soldi grazie a questa attività.

Chi può utilizzare Scout Park? La risposta è semplice: chiunque abbia più di 16 anni, un numero di cellulare e un codice fiscale svedese. Sì, perché per ora vale solo in Svezia.

Ma come funziona? Gli utenti possono scattare una foto dell’auto mal parcheggiata (includendo la targa) e caricarla sull’app.

Quanto si può guadagnare con Scout Park? Dopo aver aggiunto il tipo di violazione presunta (come “Parcheggio non permesso”, “Nessun permesso”, “Mancanza di disco orario”) e aver geolocalizzato l’infrazione sulla mappa, gli utenti possono inviare la segnalazione. Se la segnalazione viene verificata e considerata corretta, l’utente riceverà una ricompensa di 50 corone svedesi, pari a circa quattro euro e trenta centesimi.

Secondo Erik Englund, Amministratore Delegato di Scout Park, si tratta di una situazione vantaggiosa per tutti. L’app, infatti, offre agli utenti la possibilità di agire come “giustizieri cittadini”, contribuendo a migliorare la viabilità urbana e a garantire il rispetto delle regole del parcheggio. Al contempo consente di guadagnare qualche euro extra.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Amadeus come la Ferragni, pura fuffa: finalmente qualcuno che si cucina come merita il leccapiedi della peggio feccia indegna

Next Article

"Mortalità altissima, evitate il contatto con questi animali" Siamo oltre il ridicolo! Cosa si sono inventati per giocare a terrorizzare il pollame

Related Posts