La nuova Panda prodotta in Serbia e il mutismo di Maurizio Landini ennesima dimostrazione che il fancazzista della CGIL sia agli ordini del signor Elkann

di Massimo Balsamo per il blog di Nicola Porro

Che strano il silenzio di Landini sulla Panda in Serbia

Già muto su Magneti Marelli, il leader della Cgil non ha proferito parola sul dossier Stellantis

Tiene banco il caso Panda elettrica. Il modello Fiat in salsa green verrà infatti prodotto nello stabilimento di Kragujevac, in Serbia, dove in questo momento vengono realizzate le Fiat 500L. Uno dei modelli più venduti dalla casa automobilista italiana verrà dunque prodotto in un altro Paese, una notizia che ha scatenato un ampio dibattito sia per le possibili ripercussioni sull’occupazione in Italia, sia per la scelta industriale dell’azienda di cui Exor – famiglia Agnelli – è prima azionista. Una situazione estremamente delicata, ma c’è da segnalare un grande assente: Maurizio Landini.

In uno scenario del genere, soprattutto per il possibile futuro dello stabilimento di Pomigliano d’Arco dove al momento viene prodotta la Panda grazie al lavoro di 4 mila persone, ci si aspetterebbe una presa di posizione netta da parte della Cgil, se possibile risparmiando un attacco strumentale al governo. Ma, come anticipato, non si hanno notizie di Landini da diverse ore. Ma come mai? Impossibile immaginare una posizione defilata, considerato il grande attivismo anti-Meloni delle ultime settimane. Eppure…

La scelta di Stellantis è chiara: produrre la Panda elettrica in Serbia consente di massimizzare i profitti, nonostante il grande sforzo dello Stato tra sussidi e appalti statali. Musica per le orecchie di un sindacalista, se quel sindacalista non è Landini. Le dichiarazioni della Fiom locale non possono bastare ma il silenzio di mister Cgil potrebbe essere spiegato con lo stesso mutismo evidenziato in occasione della chiusura dello stabilimento di Magneti Marelli a Crevalcore. E viene da pensare che la teoria presentata da Calenda non sia così sbagliata: per Landini appare più importante andare d’accordo (o meglio, non dare fastidio) a John Elkann – azionista di Repubblica&Co. – che combattere contro la deindustrializzazione del settore automotive. Il perché è lapalissiano da settimane: il sogno del segretario della Cgil di diventare il leader della sinistra, possibile solo con il supporto dei quotidiani gestiti da Exor. Con buona pace degli operai.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Andrea Giambruno, non è più lo stesso: lo hanno mandato a lavorare nella stessa redazione che lo ha tradito segnalando i video a Striscia. “Sempre zitto, vittima di una caccia all’uomo"

Next Article

Chef italiano di 31 anni si traferisce in Australia: "In Italia quando ti pagano sembra ti facciano un favore, qui guadagno bene"

Related Posts