Vittorio Feltri ed il trucco per ottenere un consistente risparmio energetico: il popolare direttore sostiene di averle quasi azzerate con un semplice impianto fotovoltaico

Vittorio Feltri ha suggerito un modo per ottenere un risparmio energetico non indifferente. Il problema del caro bolletta è diventato un incubo per gli italiani, che a breve dovranno fare i conti con spese esorbitanti per accendere il riscaldamento per qualche ora al giorno. Ci sono tanti trucchi che si possono mettere in atto per risparmiare che riguardano l’utilizzo degli elettrodomestici, come la lavatrice. In tanti parlano del problema, giornali e programmi televisivi, ma nessuno propone una certa soluzione che invece ha aiutato molti. Tra questi anche Vittorio Feltri, che ha spiegato come è riuscito a risparmiare nei costi dell’energia. Il giornalista infatti ha spiegato di aver risparmiato ben 460 euro da quando ha attuato una certa misura. Di cosa si tratta?

Vittorio Feltri, il trucco per ottenere un consistente risparmio energetico

“C’è una cosa su cui i media sorvolano allegramente. Essi trascurano di parlare del cosiddetto fotovoltaico, che non risolverà al cento per cento il problema dei costi eccessivi della energia, ma è in grado di ridurli in misura impressionante”, spiega Vittorio Feltri. Il giornalista ha spiegato di aver installato un impianto fotovoltaico nella sua abitazione: per i lavori ci è voluta una settimana. “Serviva soltanto un allacciamento con l’ente preposto a fornire la corrente. Poiché i responsabili tardavano nel rendere attivo il meccanismo, scrissi un articolo di protesta e devo ammettere che dopo due giorni il circuito entrò in funzione – ha lamentato Feltri, conscio dei tempi d’attesi tipici del nostro Paese -. In Italia è così: se non alzi la voce, perché magari non ce l’hai, per ottenere un servizio devi fare il matto. In ogni caso nella mia abitazione, a Milano, tutto adesso è operativo e ho potuto constatare di aver compiuto la scelta giusta”.

Il giornalista ha spiegato di aver deciso di ricorrere al fotovoltaico per risparmiare in bolletta. Nel bimestre giugno-luglio infatti, aveva ricevuto un conto salatissimo di 500 euro per il consumo di energia. “Nel bimestre successivo, grazie alla nuova struttura alimentata dal sole, ho sborsato una sciocchezza, 40 euro”. Una differenza non indifferente. “Sottolineo che a me personalmente 460 euro di risparmio non cambiano sostanzialmente la vita, ma va da sé che la parsimonia è il primo guadagno. “Quindi non afferro per quale ragione non si incentivi il fotovoltaico anziché continuare a frignare poiché le famigerate bollette sono sempre più bollenti”, ha concluso l’uomo che ha poi lanciato un appello al Governo.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
2 comments
  1. Il discorso è lungo ma con i pannelli fotovoltaici in inverno non ci fai nulla e il riscaldamento lo usi in quel periodo e ti raccomando la poma di calore al posto della caldaia a gas…. ti servono almeno 5kw di elettricità e ti serve ancora il gas per cucinare se non passi all’elettrico anche quello e allora dei passare a 6kw. E se devi cambiare caldaia, fornello, forno e montare i pannelli fotovoltaici ci vogliono almeno 10.000 euro senza batterie di accumulo. Auguri. Ceto che per Feltri non sono molti ma per comuni mortali sono un bel po’ di soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

La figuraccia della presidente dei Verdi di tutta Europa: ha fatto imporre una domenica senza auto in tutto il Belgio, ma all'intervista tv ci arriva in taxi

Next Article

Perché nessuno in Italia spiega che l'Ucraina sta perdendo la guerra: il professor Orsini si toglie i macini dalle scarpe contro la feccia che da oltre un anno lo infanga per aver osato raccontare il vero

Related Posts