“Dio mi vuole dire qualcosa” Strage del treno, l’incredibile premonizione pubblicata da uno degli operai poche ore prima di morire

La storia su TikTok di Michael Zanera, il 34enne di Vercelli, una delle vittime che la scorsa notte ha perso la vita mentre lavorava sui binari della linea ferroviaria Torino-Milano. Travolto da un treno assieme ad altri quattro colleghi – VIDEO

tratto da Lo Spieffero

“È la prima volta che mi succede, mentre saldo la rotaia mi è uscito un crocifisso. Dio mi vuole dire qualcosa sicuramente nonostante lo richiamo tutti i giorni ultimamente perché non è un bel periodo per me”. Un post che assume i tratti inquietanti di una premonizione quello che Michael Zanera, 34 anni di Vercelli, una delle vittime che la scorsa notte ha perso la vita mentre lavorava sui binari della linea ferroviaria Torino- Milano, nel tragico incidente avvenuto a Brandizzo. Come gli altri quattro compagni di lavoro era dipendente della Sigifer di Borgo Vercelli, azienda specializzata nei lavori di manutenzione e armamento ferroviario da quasi 100 addetti. Assieme agli operai deceduti erano presenti altri due colleghi che sarebbero solo stati sfiorati dal convoglio e sono rimasti illesi.

Una storia postata su TikTok in cui compare l’immagine di una croce formata dalle fiamme nel corso di una saldatura, accompagnata dalle note struggenti di The power of love dei Frankie Goes to Hollywood, nella quale il giovane aveva letto un “segno” divino, lui molto credente, e che aveva voluto condividere con i suoi amici, come faceva spesso pubblicando foto con colleghi e momenti della sua giornata. “Riposa in pace Michael”, colpito da “un destino troppo crudele”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Andrea Giambruno, non poteva mancare la lezioncina banale di Chiara Ferragni, musa ideologica della peggio feccia rossa

Next Article

Dove finiscono le armi che mandiamo in Ucraina? L'inascoltata denuncia di Nicola Gratteri: rivendute ai gruppi criminali e mafiosi di tutto il mondo

Related Posts