Da buona giornalista al servizio dei politici ci chiamava somari: a soli 43 anni, in pochi mesi, il solito tumore l’ha portata via

Morta la giornalista Debora Borgese, a lungo collaboratrice del presidente dell’Ars
Avrebbe compiuto 43 anni a giugno, si è spenta a causa di una malattia. Il ricordo di Galvagno: “Ha lottato come solo lei sapeva fare per rimanere su questa terra ma non ce l’ha fatta”.

Èmorta a causa di una malattia la giornalista catanese Debora Borgese, che avrebbe compiuto 43 anni a giugno. La comunità della Stampa parlamentare siciliana, in un messaggio social, si stringe ai familiari e agli amici di Debora Borgese, ricordando la sua lotta contro la malattia “che non le aveva impedito di continuare a sperare e non aveva spento la sua voglia di vivere”.

Borgese è stata a lungo collaboratrice del presidente dell’Assemblea regionale ssiciliana, Gaetano Galvagno, seguendolo come addetta stampa nella sua attività politica. Era entrata a far parte dello staff di Galvagno a Palazzo dei Normanni, poi la malattia l’aveva costretta a rivedere i suoi piani di vita.

Lo stesso Galvagno oggi l’ha ricordata in un post Facebook: “Non è semplice trovare le parole per esprimere ciò che si prova quando viene a mancare una persona a te cara, specie se questa è un vulcano che ti ha accompagnato sin dai primi passi da deputato regionale – si legge -. Debora ha lottato come solo lei sapeva fare per rimanere su questa terra ma non ce l’ha fatta. Non facciamo altro che rimandare a domani quando non capiamo che la vita scivola via in fretta e va goduta momento dopo momento. Mancherai come non mai, che la terra ti sia lieve. Ciao Debora”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Via 7 ministri" La sorpresa nell'uovo di pasqua di Giorgia Meloni riservata a Salvini: se alle europee dovesse essere sorpassato da Forza Italia, la Lega potrebbe essere ridimensionata

Next Article

Orsini aveva ragione da vendere! Il pennivendolo che ha insultato in diretta ieri ha dimostrato quanto sia indegno: pur di difendere la feccia ha provato a denigrare il grande fisico per aver osato schierarsi contro i suoi padroni

Related Posts