Sacro siero, da oggi inizia la campagna della feccia: arrivata la scontata approvazione dell’EMA, preparatevi alla nuova campagna del terrore per far sierare il pollame italiota

Disco verde dell’Agenzia europea del farmaco al vaccino Comirnaty adattato e mirato alla sottovariante Omicron XBB.1.5.

(ANSA) Il ceppo “è strettamente correlato ad altre varianti attualmente in circolazione“, si legge in una nota dell’Ema, quindi “si prevede che il vaccino contribuisca a mantenere una protezione ottimale contro il Covid causato da queste altre varianti”. Il vaccino può essere utilizzato negli adulti e nei bambini a partire dai 6 mesi di età. Gli adulti e i bambini a partire dai 5 anni di età che necessitano di vaccinazione dovrebbero ricevere una singola dose, indipendentemente dalla loro storia vaccinale contro il Covid.

Il Comirnaty è il primo vaccino aggiornato per proteggere dalle ultime varianti del virus del Covid a ricevere una valutazione positiva dell’Ema. L’Ue dovrebbe formalizzare l’autorizzazione nel giro di qualche ora. Comirnaty è stato autorizzato per la prima volta nell’Ue nel dicembre 2020, con versioni adattate mirate ai ceppi BA.1 e BA.4-5 che hanno ottenuto un’ulteriore autorizzazione nel settembre 2022. “Dalla prima autorizzazione di Comirnaty – ricorda Ema in una nota – le autorità hanno acquisito una conoscenza approfondita sulla sicurezza del vaccino. Gli effetti collaterali sono generalmente lievi e di breve durata”. Ema sta valutando altri vaccini aggiornati alle varianti in circolazione: una procedura è iniziata il 7 agosto, la seconda il 24 agosto.

Rezza: ‘Gli over 60 si vaccinino’

In vista di un possibile aumento dei casi di Covid-19 con la stagione fredda, la vaccinazione con i vaccini aggiornati è “fortemente consigliata agli over-60 ed ai soggetti fragili per evitare il rischio di malattia grave, che per queste soggetti è concreto nonostante il virus SarsCoV2 ora preoccupi meno rispetto al passato”. A sottolinearlo all’ANSA è l’epidemiologo Gianni Rezza, già direttore della Prevenzione generale del ministero della Salute, dopo il via libera dell’Ema al vaccino Comirnaty di Pfizer-BioNTech adattato e mirato alla sottovariante Omicron XBB.1.5, attualmente predominante. Il virus SarsCoV2, spiega Rezza, “continua a circolare con diverse sottovarianti nuove, ricombinanti di Omicron, che possono portare ad un rialzo dei casi ed un piccolo aumento si comincia ad osservare. Ci si può aspettare una ulteriore circolazione nella stagione fredda, come accade per i virus respiratori in generale. Quindi – avverte – proteggere anziani e fragili è importante poiché molti non sono andati oltre la seconda o terza dose di richiamo e non si vaccinano da tempo”. E’ dunque “bene che lo facciano, mentre in base alla circolare ministeriale non vi è la medesima indicazione per le persone più giovani”. Il consiglio dell’esperto, sempre per queste fasce di popolazione maggiormente a rischio, è inoltre di fare anche la vaccinazione antinfluenzale a partire dal prossimo ottobre: “per over-60 e fragili è opportuno fare entrambe le vaccinazioni – sottolinea – al fine di evitare il rischio di malattia grave, che è sempre presente per queste categorie. Inoltre, per facilitare le procedure, si possono effettuare le due vaccinazioni distinte nella stessa seduta”. Quanto all’efficacia del vaccino aggiornato Comirnaty, “questo copre molto bene nei confronti delle varianti ricombinanti di Omicron, che per ora sono predominanti. Nei confronti invece della nuova variante BA.2.86 denominata Pirola, che non è un ricombinante ma una ulteriore evoluzione di Omicron BA.2 con molte mutazioni, questo vaccino dovrebbe comunque coprire piuttosto bene nella protezione dalla malattia grave. E’ però chiaro che più ci si allontana dalle varianti maggiormente circolanti, meno il vaccino copre dalla malattia sintomatica meno grave”. Va tuttavia ricordato, conclude Rezza, che “nella fase attuale, l’obiettivo della vaccinazione anti-Covid non è prioritariamente quello di diminuire la circolazione del virus, quanto quello di evitare la malattia grave nelle categorie a rischio”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
5 comments
  1. E’ un prodotto inutile e molto pericoloso, non fatevelo iniettare! Cercheranno di spaventarvi per farvi correre all’hub vaccinale ma basta che spegniate la tv e i mass media in generale e sarete immuni al covid prima e al siero killer poi. E chi lo definisce sicuro ed efficace è sicuro che non se lo farà iniettare e percepirà un bel mucchio di soldi per la pubblicictà.

  2. Se spegniamo quella cagata inutile di tv il Covid sparisce come per incanto !! Siamo nell’era dell’ipocrisia e delle falsità mediatiche !! Ormai l’abbiamo capito tutti che quello NON è un vaccino ma un’arma letale !!!

  3. Se lo facciano loro il siero acqua di fogna. Criminali, stanno morendo a migliaia come mosche. Basta, maledetti! Chi volete ancora prendere per i fondelli? Banda di assassini corrotti fino al midollo, vi si spalanchino le porte dell’inferno, luridi infami.

  4. SElezione naturale, è la fine degli idioti, lasciate che si faccia un po di pulizia, certa gente non merita di vivere, vuole suicidarsi ….si accomodi, il problema è che fin quando ci saranno questi esseri accondiscendenti non smetteranno di perseguitare il popolo.
    A me non si avvicinano di sicuro.

  5. Caro Rezza, fatti tutti i sieri velenosi che vuoi ma non rompere le scatole, criminale, sarei curiosa di sapere se mai ne hai fatto qualcuna di inoculazioni e se si vorrei tanto esaminarlo.
    Delle due una o hai mentito e non ne hai fatto neanche una, oppure non sei un medico perchè non sei all’altezza di capire con cosa hai a che fare considerate le morti e le reazioni gravi e non avverse, secondo me sei tutte e due le cose messe insieme e dunque bisogna stare alla larga dai criminali come te. Assassino, pagherai anche tu e non vorrei essere nei tuoi panni,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

La strage degli atleti prosegue imperterrita: saltato come un birillo a pochi metri dal traguardo. La tragedia alla Südtirol Ultrarace: l'altoatesino Ivan Hofer aveva solo 28 anni

Next Article

Questa volta tocca alla famiglia della Appendino: svaligiato il negozio del marito in pieno centro a Torino. Da sindaco ha lasciato mani libere a clandestini e rom, adesso ha il coraggio di lamentarsi

Related Posts