E’ morto Holer Togni, il re degli stuntman che ha incantato intere generazioni di italiani con le sue esibizioni

Ricordato per la sua sagoma inconfondibile e per la “pelata”, le sue acrobazie su quattro ruote fanno parte della storia mondiale del circo

Holer Togni, discendente della nota famiglia circense, è morto domenica sera a Milano a 76 anni.

Dopo il classico percorso di trapezista e cavallerizzo Holer divenne celebre negli anni 70 e 80 per aver introdotto dagli Usa gli spettacoli acrobatici con auto e moto, gli show itineranti degli Stunt Cars che girarono per gli stadi e i palazzetti d’Italia e d’Europa. Nel 1995 entrò nel Guinness dei Primati per aver guidato un tir inclinato su tre ruote.

Nel 1971,Togni diede vita al famoso show itinerante “Stunt cars”, compagnia viaggiante di acrobati delle 4 e 2 ruote. Le performances, attirarono fino a un milione di spettatori all’anno, riempiendo grandi stadi fino all’autodromo di Monza. Grazie al suo carisma, divenne lo stuntman più famoso d’Italia e tra i più coraggiosi al mondo. Un’icona popolare richiesta spesso da cinema e tv e che ha istruito anche numerosi allievi.

Ricordato anche per aver coinvolto, in uno dei suoi spettacoli, l’avvocato Gianni Agnelli, invitandolo a partecipare a un’evoluzione a bordo di una Fiat 131 e convincendolo poi a diventare sponsor dei suoi show.

Nel 1995 entra nel Guinnes dei Primati, grazie a un’esibizione che lo vedeva alla guida di un tir inclinato su tre ruote. Oltre alla brillante carriera artistica, Togni ebbe un ruolo importante insieme al fratello Divier nella diffusione italiana dei teatri tenda, in particolar modo con la creazione del Palatrussardi di Milano.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Soumahoro fa il fenomeno contro Meloni con la complicita' di Fabio Fazio, che ben si guarda da chieder contro dell'inchiesta su moglie e suocera e quei contributi dei braccianti non pagati dalla loro coop

Next Article

Prima un boato, poi la scossa: paura in Calabria e nelle regioni confinanti. Nella notte terremoto di magnitudo 5.1

Related Posts