“Comincia tu a fare i sacrifici” La megera di Bruxelles pretende di imporre folli imposizioni manco fosse una Speranza qualsiasi: solo Paragone ha le palle per risponderle per le rime

di Gianluigi Paragone per Il Tempo

Vi ricordate quando nel mezzo del delirio Covid ci spiegarono come lavarci correttamente le mani? E di quello che fecero spendere ai ristoratori, albergatori ed esercenti di bar e locali in avvisi plastificati da esporre in bella mostra? Li trovate ancora appesi ai muri dei bagni come monito o reperto di una stagione dove iniziarono a trattarci come idioti senza che nessuno dicesse beh a parte i soliti rompiscatole cui appiccicarono le peggiori etichette.

Ahimè quella stagione non è affatto finita; non è finita sotto le insegne dell’emergenza Covid (industria che sta arricchendo virologi ormai star tv e scrittori di libri in batteria) visto che i nostri bambini e ragazzi devono ancora usare a scuola le mascherine. E non è finita ora che la guerra in Ucraina ci obbliga a fare i conti con la dipendenza dal gas russo.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Come reagire allora a tanta brutalità? Con i consigli pratici della zia EuroPeppina, messi nero su bianco così che resti traccia.

«Fare la mia parte: come risparmiare denaro, ridurre dipendenza dall’energia russa, sostenere l’Ucraina e salvare il Pianeta», rigorosamente scritto con la P maiuscola perché mica stiamo qui a pettinare le bambole. Grazie all’intenso lavoro della Commissione europea finalmente possiamo dare un senso alla nostra euro-militanza. E – badate bene! – risparmiare ben 500 euro all’anno in media. Ma non è meraviglioso? Con nove mosse diamo una bella lezione a Putin, aiutiamo gli ucraini e in più risparmiamo 500 euro! Fantastico. Lo so che alle multinazionali e alle grandi banche danno montagne di soldi dopo un intenso lavoro dei lobbisti però non si può avere tutto adesso. Ah, chiedere da dove abbiano tirato fuori tale calcolo di risparmio è inutile perché in Europa il metodo di solito è spannometrico, come dimostrato dai famosi parametri tipo il 3 per cento debito/pil con cui hanno ucciso la nostra economia.

Allora vediamoli questi nove consigli miracolosi partoriti dalle menti di Bruxelles. Eccoli.

1. Abbassare il riscaldamento e usare meno l’aria condizionata. Fa un po’ meno scena di «preferite la pace o i condizionatori?» ma mica tutti possono essere Mario Draghi.
2. Regolare i parametri della caldaia. Che poi è pure uno dei punti spesso in discussione nelle riunioni di condominio.
3. Lavorare da casa. Così la bolletta dell’energia te la paghi tu e non il datore di lavoro che, poveretto, ha già tanti grattacapi. E poi ci portiamo avanti con l’abitudine di stare a casa quando il lavoro sparirà del tutto. 

I punti che seguono vanno letti d’un fiato così magari vai in apnea e soffri di meno per le tesi rivoluzionarie indicate. 4. Usare la macchina in modo economico. 5. Ridurre la velocità in autostrada. 6. Non usare l’auto di domenica in città.

Eh, avete visto cos’hanno tirato fuori dal cilindro quelli della Commissione? E noi che li sottovalutiamo sempre!

Per non prendere la batosta dal distributore basta dunque non prendere la macchina o non esagerare con la tavoletta del gas. Avrebbero potuto aggiungere di scendere dall’auto e spingerla così da combinare anche l’esercizio fisico. Ci potrebbero arrivare con l’aggiornamento del quasi decalogo, nel frattempo accontentiamoci del punto 7. Camminare o andare in bici per tragitti brevi invece di usare la macchina.

E per finire in bellezza ecco gli ultimi due punti per far cacare sotto quel macellaio di Putin: 8. Usare i mezzi pubblici. 9. Prendere il treno al posto dell’auto
Già, se non fosse che coi tagli dell’austerity imposta dall’Europa il trasporto locale lo hanno ridotto uno schifo. Ma a loro che gliene importa? Loro sono quelli che prima dell’emergenza Covid una volta al mese traslocavano dal Parlamento di Bruxelles a quello di Strasburgo, con tanto di tir sulle autostrade per il trasporto dei documenti. Tanto gli idioti siamo noi no? A proposito, andate a lavarvi le mani e seguite i buoni consigli della zia EuroPeppina. 

Total
0
Shares
4 comments
  1. va ricordato che circa 2/3 del prezzo al lt. del carburante non va nelle tasche di Putin ma allo Stato ladro con le accise e l’iva

  2. Paragone ha tante cose, ma non le palle… però, ne racconta…
    scrive un sacco di inutili banalità colorite, per NASCONDERE i veri piani delle elitè:
    Questa “austerità” è la tanto desiderata “transizione ecologica” (Grillo docet)
    il “grande reset” che da decenni ci spiegano, serve a salvare il Pianeta dalla CO2 e… bla bla bla
    .
    già ci provarono con la panzana del riscaldamento globale
    si giocarono anche, la carta del premio (ig)nobel Al Gore quando calò in Europa tentando di terrorizzarci, con le sue grottesche previsioni apocalittiche, secondo cui mezza Europa, oggi, sarebbe stata sommersa dalle acque
    Poi LORO usarono le “maniere forti” la dittatura+la guerra batteriologica contro i Popoli, col covid, bloccando tutto ed UCCIDENDO un bel po’ di “plebei”, perchè anche il Popolo secondo “LORO” inquina e deve essere ridotto.
    Ma, il Mondo gli sopravvisse, così ora LORO stanno cercando di provocare la III Guerra Mondiale, che in effetti “resetterebbe” tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Grave lutto nel mondo della musica: è morto a causa di un 'improvviso attacco di cuore' Marco Occhietti, storica voce solista dei Cugini di Campagna

Next Article

"Cosa ho pensato quando ho visto gli Ucraini" Mattarella, come da previsione un discorso insulso anche per il 25 Aprile

Related Posts