Aveva avallato l’acquisto di 800 milioni di mascherine farlocche: arriva la prima richiesta di condanna per il parassita Arcuri, l’uomo di D’Alema che Conte e Speranza fecero diventare potentissimo

Covid, chiesto 1 anno e 4 mesi per Domenico Arcuri nell’indagine sulla fornitura di mascherine
Accusato di abuso d’ufficio per la fornitura di 800 milioni di pezzi

(ANSA) Una condanna ad 1 anno e 4 mesi di carcere per l’ex commissario straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri.

E’ quanto ha sollecitato la Procura di Roma davanti al gup della Capitale nel procedimento, che si svolge con il rito abbreviato, legato all’indagine su una fornitura di mascherine dalla Cina commissionata nella prima fase dell’emergenza pandemica. Nei confronti del manager l’accusa è di abuso d’ufficio.

Nello stessa indagine sono coinvolte una decina di altre posizioni che hanno scelto il rito ordinario: per loro i pm di piazzale Clodio hanno ribadito la richiesta di rinvio a giudizio. L’impianto accusatorio è legato all’acquisto di 800 milioni di dispositivi di protezione individuale che sarebbero stati irregolari e pericolosi per la salute. Un “affare” da 1,25 miliardi di euro. Tra i soggetti coinvolti anche l’imprenditore, poi deceduto, Mario Benotti, a cui era contestato il traffico di influenze illecite, e Antonio Fabbrocini, responsabile unico del procedimento per la struttura commissariale accusato di frode nelle pubbliche forniture, falso e abuso d’ufficio.

Nei confronti di Arcuri, i pm capitolini, in una prima fase, contestavano anche la corruzione e il peculato: accuse poi archiviate. In aula i difensori di Arcuri hanno chiesto l’assoluzione perché il fatto non sussiste. “Il manager – spiega lo studio Volo – non ha mai inteso difendersi dal processo, ma nel processo. Nel frattempo, il Senato ha approvato in prima lettura il disegno di legge che abroga il reato di abuso d’ufficio, il cui testo è ora in discussione alla Camera.

Non abbiamo mai auspicato l’intervento di una legge “salvifica” e ci batteremo per ottenere l’affermazione della piena e totale innocenza di Arcuri”. I dispositivi erano stati sequestrati dalla Guardia di Finanza nell’ottobre scorso. Nel provvedimento i magistrati scrivevano che “l’esame fisico/chimico delle mascherine e dei dispositivi, compiuto tanto dall’Agenzia dogane di Roma” che da “consulenti nominati” dai pm ha dimostrato che “gran parte non soddisfano i requisiti di efficacia protettiva richiesti dalle norme Uni En” e “addirittura alcune forniture sono state giudicate pericolose per la salute”. I dispositivi, sia mascherine chirurgiche che Ffp2 e Ffp3 o Kn95, non hanno passato gli esami all'”aerosol di paraffina” ed “aerosol al cloruro di sodio”.

Nei confronti di Arcuri i magistrati di piazzale Clodio contestano di avere nella “qualità di pubblico ufficiale – è detto nel capo di imputazione – e in concorso con Fabbrocini e in unione e concorso per mutuo accordo con l’imprenditore Vincenzo Tommasi” costituito “intenzionalmente, in capo al Tommasi, con ciò abusando del loro ufficio, un’illecita posizione di vantaggio patrimoniale”. Un modus operandi che garantiva all’imprenditore “la facoltà di avere rapporto commerciale con la Pa senza assumere alcuna responsabilità sul risultato della propria azione e sulla validità delle forniture che procurava; la quasi totale esclusiva nella intermediazione di fatto delle forniture di mascherine chirurgiche e dpi importati dalla Cina”.

Alcuni imputati, secondo l’impianto accusatorio, in “concorso tra loro” avrebbero sfruttato relazioni personali e occulte con Arcuri ottenendo che quest’ultimo assicurasse ai partner dell’imprenditore Benotti un’esclusiva in via di fatto nell’intermediazione delle forniture di maschere chirurgiche e dispositivi di protezione individuali”.

Difesa Arcuri: ‘Ci batteremo per ottenere l’affermazione di innocenza’

“La difesa di Domenico Arcuri ha chiesto” per il manager “l’assoluzione perché il fatto non sussiste e tiene a precisare che” l’ex commissario straordinario per l’emergenza Covid “ha richiesto il giudizio abbreviato sin dal 15 settembre scorso. Arcuri non ha mai inteso difendersi dal processo, ma nel processo. Si è sempre reso disponibile con l’Autorità giudiziaria a rendere interrogatorio e a fornire chiarimenti in ogni fase delle indagini”. E’ quanto spiega una nota lo studio Volo. “L’iter dell’udienza preliminare ha subito diversi rinvii che ne hanno prolungato la durata sino ad oggi. Nel frattempo, il Senato ha approvato in prima lettura il disegno di legge che abroga il reato di abuso d’ufficio, il cui testo è ora in discussione alla Camera. Non abbiamo mai auspicato l’intervento di una legge “salvifica” e ci batteremo per ottenere l’affermazione della piena e totale innocenza di Arcuri”, conclude la nota.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
2 comments
  1. la mangiatoia e per tutti con il covid,come si dice da noi, ” si sono fatti i bagni nei soldi poi questo kompagno komunista D’alema a le mani in pasta ovunque e’ un mazzettista il kompagno e zingaretti? 11.000.000 milioni di mascherine sparite no le mascherine i soldi sono spariti tutti zitti bastardi e a noi ci spremono come limoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Al primo compito in classe, ed anche per conoscersi un po' meglio, la maestra propone ai bambini di descrivere il mestiere del proprio padre

Next Article

Caro benzina, superata la soglia di 2,5 euro in molte città: il governo gongola per l'incasso mostruoso di oltre 1 euro per ogni litro venduto

Related Posts