La strage non perdona, aveva solo 47 anni l’ex assessore toscano morto come al solito all’improvviso

Ex assessore muore a 47 anni per un malore improvviso

Montale (Pt), cordoglio per la scomparsa di Michele Fiesoli. Ha lasciato una traccia profonda nella vita civile del paese

Comunità di Montale in lutto per la morte, a soli 47 anni, di Michele Fiesoli, giovane e valente architetto oltre che ex assessore comunale per quasi due mandati.

Fiesoli è stato colpito una settimana fa da un malore improvviso mentre era nella sua casa e le sue condizioni sono apparse subito gravi. Ricoverato in ospedale a Pistoia, non si è più ripreso dal coma finché una serie di complicazioni non l’hanno portato via ai suoi cari.

Lascia la compagna Simona, il babbo Giovanni e il fratello David e tantissimi amici e conoscenti che gli volevano bene.

Fortissima l’impressione che ha colto tutta Montale non appena si è diffusa la notizia. Malgrado la giovane età, Fiesoli aveva già impresso una traccia profonda nella vita civile della comunità, impegnandosi nell’attività amministrativa con autonomia di pensiero, freschezza di idee e un grande amore per il proprio paese.

E’ stato assessore all’istruzione e alla cultura nella giunta del sindaco Cipriani fino al 2004 e durante il suo mandato il Comune fu insignito del titolo di Città sostenibile dei bambini e delle bambine per l’eccellenza dei servizi educativi.

Nella legislatura successiva, nella giunta del sindaco Piero Razzoli, Michele Fiesoli fu assessore all’urbanistica e in quella veste promosse con lungimiranza un concorso di idee per realizzare un polo scolastico alla Stazione che prevedeva un asilo nido, attualmente realizzato, una scuola elementare, ora in corso di completamento e una scuola dell’infanzia, tuttora da progettare.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Sanità in rosso per 400 milioni, appalti alle coop e ai cognati: la guerra tra Schlein e Bonaccini si sposta nella rossa Emilia, dove i due stanno facendo danni a non finire

Next Article

Meloni premia Brunetta! L'indegno ometto che rideva su chi non poteva lavorare a causa del siero riciclato al CNEL

Related Posts