Di Maio e l’elemosina di Letta per regalargli altri cinque anni da parassita scatenano non solo gli italiani: il durissimo commento del sodale Di Battista

di Christian Campigli per Il Tempo

A volte ritornano. E sono pronti a riprendersi il ruolo di condottiero, di salvatore della sconquassata baracca, di leader senza macchia. Alessandro Di Battista esce dal letargo e attacca, senza mezzi termini, l’ex amico, Luigi Di i Maio .”Non ha un voto. Chi conosce il fanciullo di oggi, lo evita. Trasformista, disposto a tutto, arrivista, incline al più turpe compromesso pur di stare nei palazzi. Perché il Pd dovrebbe concedergli il ‘diritto di tribuna’, un modo politicamente corretto per descrivere il solito paracadute sicuro, tipo Maria Elena Boschi candidata a Bolzano nel 2018? Perché? Che rassicurazioni ha avuto mesi fa, quando portava, insieme a Beppe Grillo, il M5s tra le braccia di Mario Draghi? Queste sono domande che dovrebbero avanzare i giornalisti”.

Parole pesantissime, quelle pensate e scritte, nero su bianco, sulla propria pagina Facebook, dal Che Guevara di Roma Nord. “I giornalisti a Di Maio non chiedono nulla. Lo trattano come Mazzarino nonostante abbia dilapidato un consenso colossale costruito con il sudore della fronte anche (e soprattutto) di persone che non hanno chiesto mai nulla in cambio. Carlo Calenda che fino a poche ore fa fingeva attacchi di orticaria al solo sentir pronunciare il nome di Di Maio sta zitto e buono. Ha ottenuto poltrone su poltrone e gli basta così. La politica – prosegue l’ex deputato M5s – ridotta a un ufficio di collocamento. Il Di Maio che ricordo io, ai tempi dell’onestà intellettuale o della fraudolenta recitazione, detestava il Pd come null’altro. Oggi, a quanto pare, il suo nome comparirà sotto il simbolo del Pd. Beh, se così fosse vi sarebbe una ragione in più per non votarli e per non avere nulla a che fare con loro”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Una sorta di dichiarazione di intenti, di invito ai grillini a mantenere lo spirito movimentista della prima ora. “Questa è la politica politicante, ciò che più impedisce il cambiamento, ciò che è più distante dalle esigenze dei cittadini, dai loro drammi. Ciò che – avverte Di Battista – più allontana gli italiani dalle urne. Ciò che più indebolisce quel che resta della democrazia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Reddito di Cittadinanza, il denunciato di oggi è il campione del mondo: si è inventato sei figli per avere la paghetta a vita inventata dai parassiti a Cinquestelle

Next Article

Candidature, Berlusconi pronto alla bomba per intortare le spettatrici dei suoi programmi spazzatura: Emanuele Filiberto

Related Posts