Djokovic, l’allucinante motivazione del governo Australiano inventata per annullare il suo regolare visto d’ingresso

Tratto dal blog di Nicola Porro

Non dico un immigrato clandestino. Ma immaginatevi cosa sarebbe successo se al posto di Novak Djokovic ci fosse stato un’altra persona qualunque, ovviamente vaccinata. Pensate cosa sarebbe successo se Vladimir Putin avesse comunicato al mondo che la presenza di un innocuo atleta avrebbe potuto “rappresentare un rischio per la salute della comunità” e “portare a un’impennata di disordini civili”. Sarebbe scoppiato il finimondo: frotte di progressisti, difensori dei diritti umani, civili e sportivi, fricchettoni: tutti contro il despota. Se invece a comportarsi così è il governo dell’Australia nei confronti di quel cattivone di No-vax Djokovic, beh: allora tutti zitti.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Il ministro dell’Immigrazione di Camberra, Alex Hawke, ha deciso che Novak non deve giocare gli Australian Open. Gli ha cancellato il visto, di nuovo, dopo che un giudice aveva ritenuto errata la decisione di fermarlo in aeroporto e rinchiuderlo in un hotel in stato di arresto. Il governo australiano ha “giustificato” la sua decisione con due incredibili motivi:

1. primo, che il non-vaccinato Djokovic potrebbe essere un “pericolo per la salute della comunità”, quando è ormai chiaro pure ai bambini che i no-vax sono un pericolo solo per loro stessi tanto il virus si diffonde ugualmente;

2. secondo, che il tennista potrebbe scatenare “un’impennata di disordini civili“, roba incomprensibile: semmai è vero il contrario, ovvero che le proteste potrebbero esserci qualora venisse rispedito a casa.

3. Djokovic, sostiene infine l’esecutivo, incoraggerebbe il “sentimento anti-vaccinazione” e quindi potrebbe dissuadere gli australiani dal richiamo. E quindi? Per entrare in Australia bisogna essere per forza favorevoli al vaccino? Non esiste a quelle latitudini la libertà di pensiero?

Ora, vista l’evidente insussistenza di queste tesi, si può facilmente dedurre che in sostanza il governo australiano si conserva il diritto di cacciare qualsiasi persona poco gradita. Legittimo, per carità. Ognuno è sovrano a casa sua: se all’Australia non piacciono i biondi, i tennisti no vax, i giocatori di curling mancini, che li caccino pure. Però che nel mondo nessuno alzi il ditino parlando di “stato di diritto”, beh un po’ strano lo è. No?

AGGIORNAMENTO

Novak Djokovic ha perso il suo ricorso contro la decisione dell’Australia di cancellargli il visto, e sarà espulso dal Paese. Il 34enne serbo numero 1 del tennis mondiale non potrà dunque difendere il suo titolo all’Australian Open, il primo dei tornei dello Slam della stagione 2022 al via lunedì 17 gennaio, e andare alla caccia del suo 21° Slam in carriera, che gli farebbe staccare Rafa Nadal e Roger Federer, entrambi a quota 20.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Voglio regalare a mia figlia un futuro normale" Le stupende parole di Marco Melandri prima della manifestazione insieme a Luc Montagnier

Next Article

Australia, sentenza storica: è finita la libertà. Djokovic espulso all'unanimità dalla nazione. Oggi è stata scritta una brutta pagina di storia

Related Posts