Ungheria denunciata da Pfizer! Come accaduto con la Polonia, il presidente Orban si era rifiutato di acquistare la valanga di dosi ordinate dalla Megera

Pfizer denuncia anche l’Ungheria dopo la Polonia, chiesti 60 milioni di euro per 3 mln dosi di vaccino CovidDopo la Polonia un altro Stato europeo subisce un’azione legale per vaccini da pagare: Pfizer denuncia anche l’Ungheria

tratto da il Giornale d’Italia
Pfizer ha fatto causa all’Ungheria nonostante i casi giudiziari legati alla pandemia stiano aumentando. Crede infatti, l’elenco delle controversie legali relative agli acquisti di vaccini Covid-19 da parte dell’UE.

L’azione legale ha preso il via lo scorso 20 gennaio e la causa si sta discutendo a Bruxelles, presso il Tribunale di primo grado che detiene la più ampia giurisdizione. La prima udienza si è svolta il 27 marzo 2023 dal giudice Thierry Delvaux, e ad aprile quest’ultimo ha respinto la richiesta di Pfizer di un giudizio accelerato.

Da una sentenza è emerso che Pfizer insieme al suo partner BioNTechha avviato un procedimento legale contro il governo ungherese nel gennaio, in merito alle consegne di vaccino Covid-19. Si tratta del pagamento di 3 milioni di dosi di vaccino BioNTech/Pfizer, per un valore di circa 60 milioni di euro. La notifica all’Ungheria è arrivata nel novembre 2022, in quanto non aveva intenzione di pagare l’azienda farmaceuticacitando il conflitto in Ucraina.

Tale causa è parallela a quella aperta da Pfizer contro la Polonia. Entrambi i paesi sono stati citati in giudizio in Tribunale civile per aver rifiutato di accettare di pagare le consegne di vaccini Covid-19 a cui si erano iscritti: 1,37 miliardi di euro per 60 milioni di dosi in più pattuite a livello UE. La casa farmaceutica ha presentato poi il conto ai polacchi, chiedendo il pagamento di una penale di cancellazione equivalente al 50% del prezzo di ogni dosenon ancora prodotta e nemmeno fornita a Varsavia.

Ora anche l’Ungheria è finita nel mirino dei legali di Big Pharma, altro stato “non amico” della Presidente Ursula von der Leyen.

Proseguono le sfide legali, Pfizer denuncia anche l’Ungheria dopo la Polonia

I casi suddetti si aggiungono a un crescente corpus di procedimenti legali legati agli sforzi dell’UE per l’approvvigionamento di vaccini nell’era della pandemia. I pubblici ministeri della Romania vogliono revocare l’immunità all’ex Primo Ministro Florin Cîțu e a due ex ministri della sanità, sostenendo che hanno acquistato un numero troppo alto di vaccini contro il Covid-19, andando a causa così danni per oltre 1 miliardo di euro allo Stato.

Frédéric Baldanlobbista belga, ha avviato un procedimento penale contro la Presidente della CommissioneUrsula von der Leyen perché avrebbe aiutato a mediare il più grande contratto di vaccini dell’UE, per 1,1 miliardi di dosi.

Intanto, New York ha citato in giudizio la Commissione perché si è rifiutata di divulgare i messaggi di testo menzionati in un’intervista dell’aprile 2021 con von der Leyen. Nell’articolo, la 65enne belga, ha messo in luce i suoi sforzi per l’acquisto dei vaccini e i testi scambiati con l’Amministratore Delegato di PfizerAlberto Bourla.

Per finire, l’Organismo di Vigilanza sulla Criminalità Finanziaria dell’UE, la Procura Europea ha spiegato in un comunicato stampa dello scorso ottobre, di aver aperto un’indagine sull’approvvigionamento dei vaccini, senza specificare verso chi sta indagando.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Le grandi manovre di chi comanda sopra le nostre teste per rifilarci il Drago nella poltrona più pericolosa per i cittadini: tra pochi mesi lo troveremo al posto della Megera von der Leyen

Next Article

Per ben due anni si sarebbe finto malato per andare a lavorare nel bar del figlio: vediamo se indovini dove lavorava

Related Posts