Motivazione da morir dal ridere: multa da 100mila euro ad una parrocchia per aver trasmesso le messe sulle frequenze militari

La parrocchia di Carmagnola trasmetteva attraverso le frequenze militari: multa da 100mila euro e sequestro
Il parroco lo ha annunciato attraverso il bollettino parrocchiale
Per trasmettere le Sante Messe e altri messaggi sempre di natura religiosa, la parrocchia della Collegiata di Carmagnola stava utilizzando le frequenze dedicate all’Esercito.

È quanto ha scoperto la stessa parrocchia dopo un controllo effettuato dagli ispettori regionali del Ministero delle Imprese e Made in Italy la scorsa settimana.

L’irregolarità ha portato a una sanzione da quasi 100mila euro oltre all’immediato stop a ogni tipologia di trasmissione radio, con il sequestro da parte dei carabinieri della stazione cittadina.

I fedeli, e la cittadinanza tutta, lo hanno scoperto attraverso il bollettino parrocchiale della Collegiata: “In settimana i carabinieri hanno sequestrato la radio parrocchiale perché utilizzava una frequenza non consentita. Con l’ausilio di un avvocato cerchiamo di presentare il ricorso per non dover pagare o ridurre una salatissima multa. Quindi non sarà più possibile utilizzare la radio parrocchiale con le celebrazioni parrocchiali”, si legge nel bollettino stesso.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Le autopsie dei morti all'improvviso sono chiare" Il dottor Giuseppe Barone capitano medico della Croce Rossa Militare, conferma quello che sta realmente accadendo. La strage degli innocenti

Next Article

L'ondata di maltempo travolge la Toscana e il Nordest: nel frattempo da Firenze il governatore rosso, invece di lavorare, blatera di cambiamento climatico

Related Posts