Bassetti oltre il ridicolo! Grida alle minacce, chiama la Digos e piange sui social per una scritta sulla terghetta del suo ambulatorio. Lo hanno semplicemente chiamato per nome

Una scritta con il pennarello nero, sovrastante l’insegna “Clinica di Malattie Infettive direttore professor Matteo Bassetti”. Un insulto ad uno dei medici che si sono più esposti durante il periodo di pandemia. Ad un professionista molto presente sui social, tanto da avere tantissimi sostenitori, ma anche diversi contestatori per le sue posizioni contro i No Vax.

IL CASO

In ogni modo, l’accaduto nel reparto dell’ospedale San Martino di Genova, oggetto ieri di un atto vandalico. Ignoti hanno scritto gli insulti sulla targa del corridoio da cui si accede alla clinica. “Non sappiamo se l’abbiano fatto di giorno o di notte – spiega il direttore sanitario dell’ospedale, Gianni Orengo – comunque, abbiamo avvisato la Digos”.

A darne notizia è stata proprio la direzione sanitaria del nosocomio con un comunicato, annunciando appunto “di aver sporto denuncia e di aver avviato un’indagine interna alla struttura per ricostruire quanto accaduto; coinvolte anche le forze dell’ordine, intervenute sul posto”. Il reparto, però, è privo di telecamere di sorveglianza. Secondo quanto spiega il direttore sanitario i sistemi video sono soltanto nelle zone di maggior importanza strategica, come il pronto soccorso.

“Tutte le Direzioni del Policlinico esprimono solidarietà al professor Bassetti e a tutti i medici, infermieri, oss e tecnici del suo team operativi presso la struttura di eccellenza, interessata dal vile gesto” ha poi aggiunto la direzione dell’ospedale.
Solidarietà anche da parte del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, e dell’assessore regionale alla Sanità, Angelo Gratarola. “Si tratta di un’azione riprovevole nei confronti di un grande professionista e di un amico – sottolineano – che in prima linea si è speso come tanti suoi colleghi durante l’emergenza pandemica del Covid-19 e che, quotidianamente con la sua attività, opera per il bene della collettività. Siamo di fronte ad un gesto che lascia ancora di più l’amaro in bocca se si pensa che è stato compiuto all’interno del reparto del Policlinico dove lui lavora e dirige un pool di sanitari.
Confidiamo che i responsabili vengano al più presto rintracciati e puniti”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Alluvione, si sono mischiati ai soccorritori per derubare una coppia di anziani dei risparmi salvati dalle acque: arrestata a Ravenna coppia di albanesi

Next Article

Stefano Bonaccini in bici prima dell'alluvione: questa foto rivela l'incompetenza e la responsabilita' della feccia PD nell'alluvione. Ecco che fine ha fatto

Related Posts