Si chiamava Nina ed era un cane di razza meticcia di 4 anni: preso il pirata della strada che l’ha investita, trascinata sull’asfalto e uccisa, deliberatamente

Si chiamava Nina ed era un cane di razza meticcia di 4 anni, accudito e assistito da alcuni volontari. Viveva in un cantiere ad Alcamo, in provincia di Trapani, ed è stata vittima di una violenza terribile e gratuita: investita, trascinata sull’asfalto e uccisa, deliberatamente, da un’auto. Individuato l’uomo alla guida della vettura investitrice (pare una Toyota Yaris), si tratterebbe di un pensionato di 70 anni.

L’orribile scena, denunciata dalla Lega nazionale difesa del cane, è stata ripresa da una telecamera di sorveglianza. Così è stato possibile individuare l’autore del gesto e denunciarlo. Adesso rischia da quattro mesi a due anni di reclusione. I fatti sono avvenuti lo scorso 4 aprile scorso in via Valle Nuccio ad Alcamo.

L’autore del gesto, G.P., è un pensionato di 70 anni che viaggiava in macchina con la moglie. La cagnolina si trovava in strada, quando l’uomo ha sterzato di proposito travolgendola e uccidendola. Nina era stata data in affidamento al titolare di un cantiere dove si trovano altri cani. Era seguita dai volontari della Lndc.

«Abbiamo sporto denuncia e ci costituiremo parte civile nel processo, perché venga fatta giustizia per Nina. Chiedo al sindaco di Alcamo di fare lo stesso, per dare un segnale di tolleranza zero verso la violenza», ha dichiarato Piera Rosati, presidente Lndc Animal Protection. (VIDEO)

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Chiusa altra indagine su Daniela Santanchè, questa volta per 'falso in bilancio'. Secondo l'accusa trasse profitto con dati falsi nei bilanci

Next Article

Lutto gravissimo nel Milan: l'ex attaccante e allenatore dell'Under 12 morto a soli 51 anni a causa di una malattia

Related Posts