Un uomo sta guidando lungo la strada e la sua auto si rompe nei pressi di un monastero

Un uomo sta guidando lungo la strada e la sua auto si rompe nei pressi di un monastero. Va al monastero, bussa alla porta e dice: “La mia macchina si è rotta. Credi che potrei passare la notte?» I monaci lo accettano gentilmente, gli danno da mangiare e persino gli aggiustano la macchina. Mentre l’uomo cerca di addormentarsi, sente un suono molto strano. La mattina dopo, chiede ai monaci quale fosse il suono, ma loro rispondono: “Non possiamo dirtelo. Non sei un monaco.
L’uomo è deluso, ma li ringrazia comunque e va per la sua strada allegra. Alcuni anni dopo, lo stesso uomo crolla davanti allo stesso monastero. I monaci lo accettano di nuovo, gli danno da mangiare e di nuovo aggiustano la sua macchina. Quella notte sente lo stesso strano rumore che aveva sentito anni prima. La mattina dopo, chiede di cosa si tratta, ma i monaci rispondono: “Non possiamo dirtelo. Non sei un monaco. L’uomo dice: “Va bene, va bene. muoio dalla voglia di sapere. Se l’unico modo in cui posso scoprire qual era quel suono è diventare un monaco, come faccio a diventare un monaco?”
I monaci rispondono: “Devi viaggiare sulla terra e dirci quanti fili d’erba ci sono e il numero esatto di ciottoli di sabbia, quando troverai questi numeri, diventerai un monaco”. L’uomo si mette al lavoro. Circa 54 anni dopo, torna e bussa alla porta del monastero…

Dice: “Ho viaggiato sulla terra e ho trovato ciò che hai chiesto. Ci sono 145.236.284.232 fili d’erba e 231.281.219.999.129.382 ciottoli di sabbia sulla terra”. I monaci rispondono: “Congratulazioni. Adesso sei un monaco. Ora ti mostreremo la via del suono”. I monaci conducono l’uomo a una porta di legno dove il capo monaco dice: “Il suono è proprio dietro quella porta”. L’uomo cerca la maniglia, ma la porta è chiusa a chiave. Dice: “Davvero divertente. Posso avere la chiave?” I monaci gli danno la chiave e lui apre la porta. Dietro la porta di legno c’è un’altra porta di pietra. L’uomo chiede la chiave della porta di pietra. I monaci gli danno la chiave e lui la apre, solo per trovare una porta fatta di rubino. Richiede un’altra chiave dai monaci, che la forniscono.
Dietro quella porta c’è un’altra porta, questa fatta di zaffiro, e così è andata finché l’uomo non ha attraversato porte di smeraldo, argento, topazio e ametista.
Infine, i monaci dicono: “Questa è l’ultima chiave dell’ultima porta”.
L’uomo è sollevato di sapere che è finalmente arrivato alla fine.
Apre la porta, gira la maniglia e dietro quella porta è stupito di trovare la fonte di quello strano suono… Ma non può dirti di cosa si tratta perché non sei un monaco.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Meteo, l'annuncio di Mario Giuliacci: crollo delle temperature nel fine settimana a centro nord, poi il giorno dell'inferno sull'Italia

Next Article

"Se la Meloni ratifica il Mes, l'unica sua differenza con Schlein rimane sul colore dei capelli" Marco Rizzo spiega con esattezza la madre di tutte le truffe ai danni degli italiani

Related Posts