Il trucco del “falso allarme”. Ladri di case, ecco come te la occupano indisturbati e impuniti

di Massimo Sanvito per Libero

Praticamente ogni giorno un fiancheggiatore delle occupazioni abusive compone il numero del pronto intervento di Aler, attivo h24 e sette giorni su sette, per depistare ispettori e forze dell’ordine. «Venite! Stanno occupando in via Gola 4! (solo per citare una delle tante zone prese di mira)». Una volta giunti sul posto per cogliere in flagranza i furbetti, però, non si trova nessuno. E il motivo è presto spiegato: i predoni di case sono qualche via più in là alle prese con le serrature altrui.

È successo 337 volte nel corso del 2023 e seppur talvolta capiti che il falso allarme sia riferibile a un vero abbaglio preso dall’inquilino di turno, che per esperienza purtroppo vive col terrore dei blitz illegali, il fenomeno non è certo da sottovalutare. Anzi. È semmai indicativo dell’organizzazione capillare e meticolosa che può vantare il racket degli alloggi. Da San Siro al Corvetto, dai Navigli al Giambellino: ormai è uno schema delinquenziale fin troppo consolidato.

Queste chiamate anonime rappresentano infatti un salto di qualità non indifferente nell’ambito delle occupazioni abusive e finiscono spesso per vanificare gli enormi sforzi messi in campo dall’Azienda lombarda di edilizia residenziale, proprietaria di oltre 70.000 unità immobiliari tra Milano e provincia, per sgomberare all’istante i freschi abusivi. Nei ranghi di Aler, infatti, è presente un nucleo che vigila senza sosta e senza orari su tutto il patrimonio abitativo.

Il settore sicurezza e abusivismo interviene direttamente su chiamata degli inquilini e delle autorità, nei casi di tentata occupazione segnalata in flagranza, in collaborazione con le forze dell’ordine. Inoltre, lo stesso nucleo è presente durante le procedure degli sgomberi programmati con la Questura, assicura una presenza continua nei quartieri svolgendo accertamenti sulle occupazioni e infine provvede alla messa in sicurezza delle unità residenziali recuperate.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
1 comment
  1. Vediamo come funzionicchia la legge: se liberi subito, con la forza, all’atto della occupazione illegale tutto ok, se te ne accorgi dopo un paio di giorni non puoi piu’ sgomberarli con la forza? Devi aspettare le lungaggini della cosiddetta legge?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Fuga di Giacomo Bozzoli, la moglie rientrata in Italia per depistare gli investigatori: impossibile credere alle sue dichiarazioni

Next Article

Si mette alla guida ubriaco e falcia mortalmente una 27enne che stava portando a passeggio le nipotine

Related Posts