Putin meno isolato di quanto ti racconta la narrazione. Dopo aver cacciato la Francia dall’Africa, ieri un nuovo smacco a Biden con la visita a sorpresa in Vietnam

Putin meno isolato di quanto si creda, Biden perde pezzi
Le mosse di Vladimir in Sahel, America Latina e Corea del Nord, ma la vera sorpresa è il Vietnam. L’amministrazione Biden continua a perdere pezzi

di Michele Marsonet per il blog di Nicola Porro

Vladimir Putin è molto meno isolato di quanto le cancellerie e i mass media occidentali vorrebbero far credere. In realtà lo zar moscovita si sta muovendo con grande abilità in numerosi scacchieri internazionali, sfruttando con la sua nota scaltrezza debolezze e divisioni dell’Occidente, e in particolare quelle che oggi caratterizzano gli Stati Uniti d’America.

Sahel

In Africa, per esempio, è riuscito a espellere la Francia dalle sue ex colonie del Sahel, sostituendo l’influenza di Parigi con quella di Mosca in un’area di fondamentale importanza dal punto di vista geopolitico, anche a causa della presenza di ricchi giacimenti di “terre rare” indispensabili per la costruzione degli apparati elettronici di ogni tipo.

America Latina

Nell’America Latina, un tempo considerata il “cortile di casa” degli Usa, russi (e cinesi) conquistano la simpatia di numerosi governanti del continente, più sensibili alle alleanze militari e commerciali che agli appelli alla democrazia lanciati da uno stanco Joe Biden.

Molti pensavano che Putin fosse completamente assorbito dalla difficile guerra in Ucraina, e invece sta dimostrando a tutti che non è affatto così. Nonostante il patto di ferro che lo lega a Xi Jinping, si sta infatti incuneando in aree che interessano in modo primario anche a Pechino, lasciando intendere di non essere disposto a svolgere un ruolo meramente ausiliario all’interno dell’alleanza Russia-Cina.

Corea del Nord

Si consideri ad esempio la Corea del Nord, lo “Stato eremita” che per decenni ha avuto relazioni pressoché esclusive con la Repubblica Popolare. Recatosi a Pyongyang, il leader russo è stato ricevuto in pompa magna da Kim Jong-un, il quale gli ha organizzato un’accoglienza entusiastica da parte della popolazione, ovviamente istruita a dovere dalle autorità.

Lo zar può ora contare sugli aiuti militari nordcoreani, da sfruttare nel conflitto ucraino, e ha addirittura firmato un trattato che obbliga i due Paesi a intervenire l’uno in favore dell’altro nel caso di attacchi esterni. Davvero non male per Kim che, finora, era considerato solo un tributario di Pechino.

Sorpresa Vietnam

Ma la vera sorpresa è giunta dalla successiva visita di Putin a Hanoi. Visita importante perché il Vietnam, che vinse la guerra contro gli americani anche grazie al costante supporto militare e logistico dell’Unione Sovietica, negli ultimi tempi si era avvicinato agli Usa e all’Occidente soprattutto in funzione anti-cinese. Vietnam e Cina non sono mai stati in buoni rapporti, sin dai tempi in cui i vietnamiti riuscirono ad affrancarsi dal dominio del Celeste Impero.

In epoca più recente si sono anche verificati conflitti militari tra gli eserciti delle due nazioni, che hanno lasciato strascichi notevoli. I vietnamiti temono l’espansionismo cinese e lo hanno più volte denunciato senza remore. La visita putiniana offre loro un’alternativa, rinverdendo i vecchi legami dell’epoca sovietica. Non a caso anche il presidente vietmamita To Lam ha ricevuto lo zar in pompa magna, mobilitando la popolazione come ha fatto Kim nella Corea del Nord.

Biden perde pezzi

Questo ha suscitato le ire di Washington, dove credevano di aver definitivamente attirato il Vietnam nella sfera d’influenza Usa. Il fatto è che l’amministrazione Biden continua a perdere pezzi nello scacchiere internazionale, e non vi sono segni che la frana sia destinata a finire in tempi brevi.

Resta da capire, al riguardo, quale sia la reale posizione della Repubblica Popolare. In mancanza di commenti ufficiali, si può sostenere che Pechino, a dispetto della “alleanza senza limiti”, non gradisca molto l’attivismo di Putin in aree geografiche che considera di propria competenza. Ciò non significa, ovviamente, la fine della suddetta alleanza. Ma Putin dimostra ancora una volta di essere un osso duro, per niente indebolito dalle sanzioni occidentali.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Mediaset, nuovo lutto gravissimo: morta la vera anima dell'epoca d'oro della tv dei ragazzi. Alessandra Valeri Manera era l'autrice delle celebri sigle cantate da Cristina d'Avena. Aveva solo 67 anni

Next Article

Bracciante morto dissanguato, l'incredibile scoop di Mentana: da ben cinque anni l'imprenditore agricolo era sotto indagine per sfuttamento del lavoro. Non si sa cosa aspettavano i giudici rossi ad intervenire e, probabilmente, salvare la vita al povero Satnam Singh

Related Posts