Monsignor Viganò, la risposta strepitosa alla convocazione in Vaticano per contestargli di aver detto quello che pensa realmente di Bergoglio e della cricca che lo circonda

Monsignor Viganò, non vado all’ex S.Uffizio: “È un processo farsa”
L’ex Nunzio dopo l’accusa del Dicastero per la Dottrina della fede: “un vanto essere accusato di scisma”

tratto da Rai News

L’ex Nunzio in Usa, monsignor Carlo Maria Viganònon intende difendersi dalle accuse di scisma per il quale è stato convocato dal Dicastero della Dottrina della Fede per un processo extragiudiziale.

Non riconosco l’autorità
In una nota afferma: “Preciso di non essermi recato in Vaticano, di non avere intenzione di recarmi al Sant’Uffizio il 28 Giugno e di non aver consegnato alcun memoriale o documento a mia difesa al Dicastero, del quale non riconosco l’autorità, né quella del suo Prefetto, né di chi lo ha nominato”.

Ortodossia cattolica ed “eresia”
Viganò sottolinea ancora: “Non ho alcuna intenzione di sottopormi ad un processo farsa in cui coloro che mi dovrebbero giudicare imparzialmente per difendere l’ortodossia cattolica sono allo stesso tempo coloro che io accuso di eresia, di tradimento e di abuso di potere”.

Infine l’ex ambasciatore vaticano ribadisce che queste accuse del Vaticano contro di lui sono “un vanto”:  “La ‘chiesa’ di Bergoglio non è la Chiesa Cattolica, ma quella ‘chiesa conciliare’ nata dal Concilio Vaticano II e recentemente oggetto di rebranding col nome non meno ereticale di ‘chiesa sinodale’.

Se è da questa ‘chiesa’ che sono dichiarato separato per scisma, me ne faccio un motivo di onore e di vanto“. Ha concluso nella nota.

La vicenda
Viganò, a settembre 2018, era stato protagonista di una clamorosa lettera sul caso del cardinale statunitense Theodore McCarrick, “molestatore di seminaristi” e “coperto da Papa Francesco” in persona, accusava l’ex Nunzio negli Stati Uniti. La lettera si chiudeva chiedendo la rinuncia del Pontefice al suo ministero.

Il minuzioso rapporto della Santa Sede che chiariva la vicenda
Quella vicenda, pienamente chiarita dalla Santa Sede con la pubblicazione di un minuzioso rapporto nel novembre 2020, che smentiva l’ex Nunzio su tutta la linea, non è oggetto del documento pubblicato nell’account X, ricorda Vatican News.
Viganò sarebbe invece accusato, secondo il suo account, di non riconoscere la legittimità del Pontefice né quella dell’ultimo Concilio. Il Dicastero per la Dottrina della Fede non ha commentato in alcun modo l’annuncio pubblicato sui social.

L’ex Nunzio negli Usa, vicino agli ambienti più conservatori del cattolicesimo d’Oltreoceano, che oltre a criticare Papa Francesco, arrivando a chiederne le dimissioni, sostiene convintamente posizioni no-vax, antiscientiste, anti-migranti e anti-gay, ha commentato: “Considero le accuse contro di me un onore. Nessun cattolico degno di questo nome può essere in comunione con questa Chiesa bergogliana perché essa agisce in evidente discontinuità e rottura con tutti i Papi della storia e con la Chiesa di Cristo” ha sottolineato Viganò, invitando a pregare per “coloro che sono perseguitati a causa della loro fede”.
Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
2 comments
  1. Bergoglio vuole distruggere la chiesa cattolica e Viganò gli sta dando una mano, si direbbe che siano d’accordo.
    Ricordo che il papa polacco, era sicuramente MASSONE: guardate quando fu eletto, si affacciò al balcone e “salutò” i creduloni esibendosi nel “saluto a Osiride” un inchino con le braccia incrociate sul petto, tipico dei massoni di alto livello, furono sfottuti dal polacco appena eletto…
    per non parlare dell’appassionato bacio al corano (!!!)… Viganò faceva già parte della burocrazia vaticana e non risulta che protestasse.
    Il cristianesimo ci fu imposto con la violenza nel 380 DC con l’Editto di Tessalonica trovo giusto che Nemesi lo faccia scomparire nel ridicolo, ma è possibile che con tutti gl’islamici che i cattolici stessi hanno “accolto” finisca in un bagno di sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Capisco chi gli spara" Torino, lo sfogo del tabaccaio che è stato rapinato, in poco tempo, la bellezza di sei volte

Next Article

Sei senza casa? Vai a rubare quella di Fratoianni: dopo quello che ha avuto il coraggio di dichiarare, vogliamo vedere cosa succederebbe se davvero accadesse proprio a lui

Related Posts