Il padre di Ilaria Salis nega persino l’evidenza sulle condanne! Oggi è riuscito a dire che Salvini ha un curriculum criminale peggiore

Oggi, mercoledì 12 giugno, Libero presenta a pagina 2 del quotidiano un resoconto ben dettagliato sul “Curriculum giudiziario” di Ilaria Salis. Insomma vengono elencati, uno per uno, tutti i cinque provvedimenti nel casellario giudiziale dell’ex insegnante. “Con un casellario giudiziale così – scrive Alessandro Gonzato -, in qualsiasi azienda ci cacciano prima di entrare. Ma con un casellario giudiziale così – aggiunge -, se ci proviamo, possiamo diventare eurodeputati dell’Alleanza Verdi e Sinistra“. Un’analisi che evidentemente non ha trovato d’accordo Roberto, il papà di Ilaria Salis.

Ospite di Tagadà, il talk show politico di La7 condotto da Tiziana Panella, l’onnipresente Roberto Salis ha attaccato Libero, per poi scagliarsi anche contro il segretario della Lega, Matteo Salvini: “Abbiamo un ministro delle Infrastrutture e vicepresidente del Consiglio che ha un curriculum peggiore: Mia figlia è stata condannata in concorso in resistenza a pubblico ufficiale. Salvini è condannato per resistenza a pubblico ufficiale”, la ha sparacchiata.

La difesa a spada tratta della figlia Ilaria non sembra però aver convinto tutti. Su X, sotto il video dell’intervento di Roberto pubblicato da La7, diversi utenti hanno smontato completamente le parole di papà Salis. “Dovrebbe porsi qualche domanda sull’educazione impartita alla figlia, a questo punto andrebbe ignorato. Lasciamo che le cose seguano il loro iter naturale, basta con questo scempio“, scrive Onofrio. Più duro, invece, il commento di Alessandro: “Da che pulpito la predica! Tale pater talis filius! Chi delinque deve stare in galera e no al Parlamento Europeo”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Rissa alla Camera con buffonata annessa del il deputato che si fa portare fuori in carrozzina

Next Article

Ilaria Salis non la passa liscia: l'Ungheria intenzionata al braccio di ferro con Bruxelles. Ecco i passi di Budapest dopo la proclamazione e l'obbligo di liberazione

Related Posts