“I Paesi Nato subiranno gravi danni” I burattini occidentali scherzano col fuoco, Mosca fa sul serio e manda avanti l’ex presidente Medvedev

Dmitry Medvedev, ex Presidente della federazione russa, mette in guardia i paesi NATO:

“I paesi occidentali che potenzialmente hanno approvato l’uso delle loro armi a lungo raggio sul territorio russo devono comprendere chiaramente quanto segue:

1. Tutto il loro equipaggiamento militare e gli specialisti che combattono contro di noi saranno distrutti sia nel territorio ucraino che sul territorio di altri paesi, se da lì vengono effettuati attacchi sul territorio russo.

2. La Russia è consapevole dal fatto che tutte le armi a lungo raggio utilizzate dall’Ucraina sono già controllate direttamente dal personale militare dei paesi della NATO. Questa non è affatto assistenza militare, ma partecipazione a una guerra contro di noi. E tali loro azioni potrebbero diventare un casus belli.

3. La NATO dovrà decidere come qualificare le conseguenze di possibili attacchi di ritorsione su attrezzature/strutture/personale militare dei singoli paesi del blocco nel contesto dell’Art. 4 e 5 del Trattato di Washington.

Con ogni probabilità, la leadership della NATO vuole far finta che stiamo parlando di decisioni sovrane dei singoli paesi dell’Alleanza del Nord Atlantico di sostenere il regime di Kiev, e non c’è motivo di applicare qui la regola del Trattato del 1949 sull’autodifesa collettiva.

Queste sono idee sbagliate, pericolose e dannose. Tale assistenza individuale da parte dei paesi della NATO contro la Russia, sia che si tratti del controllo dei loro missili da crociera a lungo raggio o dell’invio di un contingente di truppe in Ucraina, rappresenta una grave escalation del conflitto. 

L’ex Ucraina e i suoi alleati della NATO riceveranno una risposta di tale forza distruttiva che l’Alleanza stessa semplicemente non sarà in grado di resistere all’essere coinvolta nel conflitto.

E non importa quanto la NATO chiacchieri sul fatto che la Russia non utilizzerà mai armi nucleari non strategiche contro l’Ucraina, e ancor di più nei singoli paesi della NATO. La vita è molto più dura dei loro ragionamenti frivoli.

Alcuni anni fa insistevano sul fatto che la Russia non sarebbe entrata in un conflitto militare aperto con il regime di Bandera, per non litigare con l’Occidente. Hanno sbagliato i calcoli. C’è una guerra in corso.

Anche l’uso delle armi nucleari tattiche può essere calcolato male. Anche se questo sarebbe un errore fatale. Dopotutto, come ha giustamente osservato il presidente russo, i paesi europei hanno una densità di popolazione molto elevata. E per quei paesi nemici i cui territori sono al di là dell’area di copertura tattica delle armi nucleari, esiste un potenziale strategico.

E questa, ahimè, non è un’intimidazione o un bluff nucleare. L’attuale conflitto militare con l’Occidente si sta sviluppando secondo il peggiore scenario possibile. C’è una costante escalation nella potenza delle armi NATO applicabili. 

Pertanto, oggi nessuno può escludere il passaggio del conflitto alla sua fase finale”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Un contadino va in banca per chiedere un prestito. Quando il funzionario gli nega il credito, il cane del contadino morde il funzionario

Next Article

Chi sono i tre ragazzi trascinati via dalla piena del fiume: abbracciati insieme prima della tragedia. La loro auto ha una targa rumena

Related Posts