Travaglio interviene nella polemica fra Meloni e De Luca e a sorpresa, clamorosamente, si toglie qualche sassolino dalle scarpe e difende la Premier

Perfino Travaglio sta con Meloni: “Sessismo da De Luca: M5S e Pd sempre in silenzio, lei no…

di Marta Lima per Il Secolo d’Italia

L’incipit è fulminante e definitivo. “Che bel Paese sarebbe l’Italia se tutti i leader dell’opposizione, quando Vincenzo De Luca diede della stronza a Giorgia Meloni, avessero solidarizzato con lei e isolato lui finché non si fosse scusato. Invece tacquero al gran completo, a cominciare da chi più di tutti avrebbe dovuto censurare l’insulto del presidente campano alla presidente del Consiglio: Elly Schlein, segretaria del partito di De Luca…”. L’editoriale di Marco Travaglio, oggi, sul Fatto Quotidiano, fa giustizia dell’ipocrisia che a sinistra ha accompagnato i commenti sul video nel quale la premier ironizzava, davanti a De Luca, sulle offese ricevute in passato.

Travaglio con la Meloni sullo scontro con De Luca

Travaglio ironizza sulla solita “distratta” leader del Pd, Elly Schlein, che ama divagare. “Interpellata dai giornalisti sull’epiteto, non solo non insorse con i soliti argomenti usati quando viene offesa una donna (sessismo!), ma liquidò la faccenda fingendo di non capire la domanda: ‘Grazie, ho già risposto sull’autonomia differenziata”. Ora ha ritrovato la favella, ma per stigmatizzare lo sketch inscenato dalla Meloni a Caivano (“Presidente De Luca, sono quella stronza della Meloni, come sta?”). Ed è riuscita a dire che ‘La Meloni si descrive da sola’. Quindi ha ragione De Luca: la è una stronza…”, fa notare il direttore del FattoChe per una volta non lesina critiche neanche al suo amato Conte.

Tutte le offese del governatore lasciate cadere da sinistra e Pd

«A quella caduta di stile, che raddoppia quella di De Luca e vi trascina l’intero Pd, avrebbe potuto rimediare Conte, restituendo un po’ di eleganza e di cavalleria a una battaglia politica degradata a lotta nel fango. Avrebbe potuto dire che De Luca è lo Sgarbi del Pd e ha avuto ciò che meritava: un guappo di cartone che non deve permettersi di insultare o di minacciare di morte chi lo critica o non gli va a genio, come fa da trent’anni indisturbato e impunito (“La Bindi ha fatto una cosa infame, da ucciderla”, “Di Maio, Fico e Di Battista, che vi possano ammazzare tutti”, “Salvini ha la faccia come il fondoschiena, peraltro usurato”, col contorno di “chiattona” e dito medio alla 5S Ciarambino, “cafona, fiore di bellezza e di freschezza” alla Camusso”, “Pippo Baudo con la frangetta” a don Patriciello). Invece Conte ha detto che la premier è vendicativa e rosicona”, stigmatizzando anche lui la reazione, ma non l’azione che l’ha scatenata. E ha perso l’occasione di dare una lezione di stile a De Luca, alla Schlein e soprattutto alla Meloni, che in piena pandemia l’aveva chiamato “criminale”…».

Poi il consiglio all’opposizione: basta  settarismo, la faziosità, il tartufismo e il doppiopesismo della peggior sinistra che hanno issato Giorgia detta Giorgia a Palazzo Chigi. “E la manterranno lì per un bel pezzo….”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Quello schifo d'uomo deve scomparire dalla politica" Tommaso Cerno si conferma una delle poche vere teste pensanti: la sacrosanta sfuriata contro il compagno De Luca

Next Article

Il nipote vede il nonno seduto sulla panca del giardino, senza mutande: "Nonno, ma perché sei seduto qui fuori senza mutande"

Related Posts