Roberto Saviano vittima di questa ceppa, altro che della censura! Nuovo sputtanamento per il frignone che vive a New York: non partecia al salone di Francoforte per decisione dei suoi editori, non per volere del governo

Estratto dell’articolo di Salvatore Merlo per “Il Foglio”

Nessun editore italiano, nessuno tra quelli che lo pubblicano, ha inserito Roberto Saviano nella lista degli autori proposti per partecipare al Fiera del libro di Francoforte. Punto. Interrogati dal Foglio, Mondadori, Feltrinelli, Bompiani e Solferino rispondono tutti nello stesso modo: non l’abbiamo inserito. Il che significa che nessuno lo ha potuto depennare. Nessuna censura di regime.

Saviano non aveva nuovi libri in catalogo, e a differenza di tutti gli scrittori come Paolo Giordano e Francesco Piccolo che stanno rifiutando l’invito a Francoforte in solidarietà con Saviano, ecco a differenza di loro Saviano ci sarà comunque a Francoforte perché invitato dai librai tedeschi. Lui sì, loro no. La vicenda ha evidentemente un che di comico. Ma anche di furbo. Il solito gioco dei tre editori, ops, delle tre carte.

La grandissima fiera libraria tedesca, altrimenti detta Buchmesse, funziona così: gli editori segnalano alla Confindustria dell’editoria (Aie) e poi alla commissione governativa presieduta da Mauro Mazza gli autori che vogliono promuovere all’estero e i libri usciti o in uscita che vogliono vendere all’estero. Queste liste, cui la commissione aggiunge anche dei nomi, vengono fatte con molto anticipo rispetto alla data della Fiera.

Nello specifico le liste delle proposte degli editori sono state chiuse il 31 luglio del 2023 mentre, com’è noto, la fiera inizia adesso, tra pochi mesi, ovvero il prossimo 16 ottobre. […]

Saviano, a luglio, mentre venivano compilate le proposte, non aveva ancora nemmeno firmato il contratto con la sua ultima casa editrice, Solferino. E il suo ultimo romanzo, edito con Bompiani, era di due anni fa. Sicché Saviano logicamente non è stato invitato a Francoforte dagli editori ma nemmeno dall’organizzazione, che tuttavia avrebbe potuto di sua spontanea iniziativa chiamarlo ma non lo ha fatto.

Proprio come non l’ha fatto con molti altri importanti scrittori non proposti dagli editori, tra i quali Aldo Busi, Domenico Starnone, Ermanno Cavazzoni… e si potrebbe continuare a lungo nell’elenco di autori non invitati alla Buchmesse.

Insomma è un po’ troppo comodo pensare di dover essere invitati dovunque perché ci si ritiene scomodi. E resta del tutto incomprensibile, se non forse ricorrendo alle categorie della psicoanalisi, come Saviano, che per giunta a Francoforte ci va, possa aver pronunciato queste parole: “Mi aspettavo questa censura. Il governo teme gli intellettuali che raccontano una realtà diversa da quella che loro raccontano”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"È stato ucciso, troveremo i killer" Morte di Angelo Onorato, nel giorno del suo funerale, la moglie Francesca Donato non si da pace

Next Article

"Europee? State attenti a chi darete il voto" Viktor Orbán e l'appello ai cittadini di tutto il continente: "Le elezioni rappresentano una scelta cruciale tra guerra e pace"

Related Posts