Prepara i popcorn e goditi lo spettacolo: botte da orbi tra comunisti e ‘Pro Palestina’ dentro l’Università Statale di Milano

Kompagni che picchiano altri kompagni. Sono scene surreali quelle che da giorni si susseguono all’Università Statale di Milano. Un gruppo di attivisti pro Palestina ha occupato da oltre una settimana l’atrio d’ingresso dell’università posizionando delle tende. Muri imbrattati, scritte offensive e studenti intimiditi sono parte del bollettino di guerra della protesta messa in piedi da alcuni esponenti di collettivi e centri sociali. (VIDEO)

Stando a quanto riferito dal collettivo politico chronocol, un gruppo di persone dell’organizzazione Lotta Continua ha fatto irruzione nell’ateneo e ha preso di mira i pro-Pal. “Non è la prima volta che si verificano provocazioni di questo tipo: è infatti il secondo attacco squadrista che l’accampamento ha ricevuto nel giro di una settimana. L’accampamento è riuscito a respingere le provocazioni e l’attacco facendo cordone e allontanando la squadraccia” riferiscono gli occupanti.

A fare le spese di questo far west fra collettivi, comunisti e chi più ne ha più ne metta, sono gli studenti che sono costretti ad assistere a questo spettacolo indecoroso, rischiando anche di ritrovarsi in situazioni di pericolo. Alcuni ragazzi, aderenti ad altri gruppi studenteschi, sono stati minacciati con scritte diffamatorie poiché colpevoli di aver chiesto di cessare questa protesta e far tornare alla normalità la situazione nell’ateneo milanese.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Campi Flegrei, le impressionanti immagini del lago d'Averno che ribolle nei minuti immediatamente successivi allo sciame sismico che ieri sera ha terrorizzato tutta Napoli

Next Article

Un carabiniere sta in una distesa di ghiaccio con la sua borsa da pesca e la sua nuova canna da pesca. Comincia a fare un buco nel ghiaccio, dopodiché si siede su uno sgabello e infila la canna da pesca nel buco

Related Posts