L’ultimo capolavoro di Babbo Salis e Fratoianni: hanno imbarcato persino la Capitana! Invitata con tutti gli onori per sputare su Salvini ed elogiare la bastonatrice ai domiciliari in Ungheria

Dopo aver indossato i panni da comandante della nave Sea Watch 3 ecco che Carola Rackete sogna ora di approdare a Bruxelles. Le elezioni europee sono alle porte e la ragazza, candidata con la lista della sinistra tedesca di Die Linke, è tornata all’attacco mettendo nel mirino il suo bersaglio principale: Matteo Salvini. Nell’estate del 2019 aveva fatto molto discutere il braccio di ferro con l’allora ministro dell’Interno sullo sbarco dei migranti e oggi è tornata a prendersela con l’attuale vicepresidente del Consiglio.

Rackete, intervenuta a margine di un appuntamento elettorale dell’Allenza tra Verdi e Sinistra italiana a Milano, è stata chiamata a esprimere un giudizio su Salvini. Di certo non ci si aspettavano parole al miele dalla paladina delle Ong, che in effetti non ha deluso le aspettative e si è pronunciata sfoderando il solito ventaglio di accuse verso il segretario della Lega: “Le sue parole continuano a infiammare l’estrema destra, incentivando i crimini d’odio, e polarizzano la società al posto di creare unità e giustizia sociale“.

Salvini è stato accusato di pronunciare frasi che hanno come conseguenza quella di spianare la strada ai crimini d’odio. Ovviamente il tutto condito dalla rivendicazione di Rackete di essere di sinistra e quindi a favore dei diritti umani, della dignità e del rispetto della vita. Lo schema che si vuole disegnare è chiaro: a destra si trovano politici pericolosi che mettono a repentaglio la società; a sinistra vi sono anime buone a cui bisogna affidarsi per mettere al sicuro le civiltà democratiche nel mondo.

Un copione sgangherato, pieno di ideologie e luoghi comuni. D’altronde la tattica portata avanti dal fronte rosso nel nostro Paese è stato proprio questo: cercare di spaventare gli italiani etichettando gli avversari politici appartenenti all’area di centrodestra come se fossero dei mostri contro cui combattere per salvaguardare la democrazia.

La nuova offensiva nei confronti di Salvini fa il paio con la difesa di Ilaria Salis. La 39enne milanese – candidata con Avs – può godere del sostegno di Rackete, secondo cui non ci sono “prove sufficienti contro di lei“. Da qui la richiesta di farla tornare in libertà: “Dovrebbe essere immediatamente rilasciata e affrontare un giusto processo“. Infine l’appello alla sinistra: “Serve un forte movimento antifascista, altrimenti la storia potrebbe ripetersi“.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Lutto nella televisione, morto uno dei partecipanti alla prima edizione de "Il Collegio": un incidente automobilistico ha portato via Dimitri Iannone a soli 25 anni

Next Article

“44 anni più giovane” Patty Pravo, che gossip pazzesco: si conferma una numero uno. Pizzicata con il suo assistente trentenne

Related Posts