“Disastro, vergogna!” Al Bano canta l’inno di Mameli ma finisce malissimo: una stecca dietro l’altra con un risultato finale imbarazzante

Al Bano fa a pezzi l’inno di Mameli, la finale di Coppa Italia si apre con un capolavoro cringe
La partita tra Atalanta e Juventus viene preceduta dalla performance di Al Bano, che esegue l’inno di Mameli a cappella con risultati a dir poco imbarazzanti. Una scelta che ha svilito la solennità del momento, in favore dell’effetto cringe.

tratto da Fanpage

Se l’intenzione era quella di far riverberare su Tik Tok e social varii il video di Al Bano in difficoltà mentre si lancia in una rivisitazione a cappella dell’inno di Mameli, allora tocca fare i complimenti agli organizzatori della finale di Coppa Italia, perché il risultato è perfettamente riuscito.

Se al contrario l’intenzione era quella di celebrare uno degli eventi sportivi più attesi di questo finale di stagione con la tradizionale esecuzione dell’inno nazionale in una chiave celebrativa, allora si poteva fare una scelta diversa.

L’anno scorso era toccato a Gaia Gozzi il compito di aprire la finale di Coppa Italia, mentre per l’edizione 2023-2024 della competizione, il compito di onorare Atalanta-Juventus è stato affidato proprio all’artista di Cellino San Marco, che ha eseguito una sua versione dell’inno, tentando di modulare l’esecuzione con delle variazioni che gli consentissero di evitare i punti di maggiore complessità vocale. Il risultato che ne è venuto fuori è stato, diciamolo, a dir poco mortificante, con le inquadrature della regia durante la performance dell’artista a immortalare i volti tra il divertito e lo sconcertato di atleti pronti a scendere in campo, allenatori e autorità sugli spalti.

Difficile capire le ragioni di una scelta di questo tipo, non per mancanza di rispetto nei confronti di Al Bano, che resta un artista molto amato, anche per ragioni di mera perseveranza. Ma perseverare può essere diabolico e in questo caso la solennità del momento, cercata anche con l’ausilio delle luci basse nello stadio e il silenzio sugli spalti, è collassata davanti all’esecuzione del cantante. I fuochi d’artificio finali, con l’inquadratura che si muove verso il centrocampo e il silenzio generale con ben pochi applausi hanno completato alla perfezione il quadro di un momento che, con una pratica sintesi che la contemporaneità ci mette a disposizione, è stato un monumento al cringe.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Pfizer risarcisce 10mila persone negli Usa: il suo farmaco era autorizzato per combattere il bruciore di stomaco, ma solo adesso hanno scoperto che porta il tumore

Next Article

Tutto pronto per far uscire Francesco Rutelli dalle catacombe: la feccia rossa, alla disperata ricerca di un futuro sostituto della Schlein, non trova di meglio che il vecchio parassita sin da giovane agli ordini di Davos

Related Posts