Ricordate la citofonata di Salvini a Bologna? Alla fine aveva ragione: condannata per spaccio l’intera famiglia di tunisini che vi abitava

Il nucleo di tunisini cui durante la campagna elettorale del 2020 in Emilia Romagna il leader della Lega suonò il campanello chiedendo se «lì c’era qualcuno che spacciava stupefacenti»

Si è concluso con 21 condanne, la più alta a 14 anni e sette, il processo in primo grado a un’organizzazione che gestiva lo spaccio in zona Pilastro a Bologna, per gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato. Le pene più pesanti sono per le persone a cui è stata riconosciuta l’accusa di associazione finalizzata al traffico di droga.

Coinvolta anche la famiglia di origine tunisina alla quale, durante la campagna elettorale per le Regionali del 2020 in Emilia-Romagna, citofonò Matteo Salvini, chiedendo se c’era uno spacciatore, scatenando polemiche. In particolare, per questi ultimi, il Gup Sandro Pecorella ha deciso condanne a due anni, sei mesi e venti giorni per un uomo, un anno per la moglie, quattro anni sei mesi e venti giorni per un figlio, tre mesi e dieci giorni per un’altra parente, mentre un altro figlio era minorenne all’epoca.

Il giudice ha anche pronunciato un’assoluzione e un non luogo a procedere per mancanza di querela per due imputati, mentre una dozzina di posizioni saranno giudicate con il rito ordinario. L’indagine dei pm Roberto Ceroni e Marco Imperato partì dall’omicidio di Nicola Rinaldi, ucciso nell’agosto 2019 in via Frati: alcuni suoi familiari sono stati coinvolti nell’inchiesta. Secondo l’accusa l’associazione era composta da sette persone più il minore: pianificavano gli acquisti di cocaina e hascisc, cercavano nuovi fornitori e i locali dove stoccare la droga che poi rivendevano sulla piazza locale. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Matteo Murgo, Bruno Salernitano, Filomena Chiarelli, Simone Romano, Roberto D’Errico, Alessandro Cristofori, Giovanni Voltarella, Milena Micele, Matteo Manzani.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Me ne vado, chiamo l'avvocato" Cecchi Buffone, ennesima pagliacciata all'Isola degli scappati di casa

Next Article

Vercelli, così il professor Frajese fa scappare i capoccioni dell'Ordine dei medici: è bastata la sua presenza per vederli fuggire come ladri

Related Posts