“Calo drastico dell’audience” Crollo vertiginoso degli ascolti per La7: l’emittente ufficiale della feccia paga come merita la linea politica di questi ultimi anni

Ascolti TV Auditel, crollo vertiginoso di La7: la linea grillina non paga

Calo drastico dell’audience per la rete di Urbano Cairo, che ha puntato tutto sull’informazione con un occhio di riguardo al m5s

di Marco Zonetti per Affari Italiani

Gli ascolti di La7 in caduta libera in un pozzo senza fondo. L’Auditel non perdona la rete di Urbano Cairo e in primo luogo, la sua linea grillina. Sposando la strategia di dare il massimo spazio ai talk show politici dove fanno il bello e il cattivo tempo (e senza contraddittorio alcuno) gli esponenti pentastellati, il risultato è quello – come riporta businessinsider.com – di una vera emorragia alla rete”.

Leggiamo nell’articolo di Giuliano Balestrari: “Tra il 10 settembre e il 2 dicembre, lo share medio in prima serata è crollato del 14,48% al 3,78% (elaborazione dello Studio Frasi su dati Auditel) con un’audience di 952mila spettatori. Peggio di La7 ha fatto solo Rai3 che con il trasloco di Fazio sulla rete ammiraglia di Viale Mazzini ha perso il 23,9% dello share in prima serata (crollato al 5,5%). Nessuno, però, fa peggio del canale di Cairo nel giorno medio: lo share è crollato del 14,99% al 2,95%“.

Balestrari ha individuato un motivo preciso nel crollo vertiginoso degli ascolti di La7 rispetto all’anno scorso durante il quale: “a tenere alti gli ascolti di La7 c’era il dibattito sul referendum costituzionale del 4 dicembre“. E ancora: “Il palinsesto è rimasto costruito sull’informazione politica e sul talk show: senza eventi di rilievo gli ascolti sono destinati a restare bassi” spiega Francesco Siliato, analista del settore media e partner dello Studio Frasi che poi aggiunge: “In prima serata pesa anche l’addio di Crozza sostituito debolmente da Zoro con Propaganda. E’ impensabile spostare un programma da una rete all’altra senza prevedere adattamenti: La7 è un canale anziano, quindi fatica a digerire un programma basato su Twitter. E’ chiaro che l’informazione serva a risparmiare”.

La7 ha replicato a stretto giro, sottolineando l’esito favorevole di programmi come Non è L’Arena con Massimo Giletti e Atlantide di Andrea Purgatori, ma è innegabile che la linea filogrillina di La7 ha finito per allontanare una buona fetta di audience, non soltanto vicina al Pd. Piazza Pulita è in ambasce e ha avuto guizzi solo con la presenza di Simone Di Stefano di CasaPoundDiMartedì ha brillato soltanto con l’ospitata di Matteo Renzi e, in generale, le ospitate degli esponenti del m5s senza contraddittorio allontanano gli spettatori.

Questo trend catastrofico continuerà ancora fino alle prossime elezioni politiche? Le avvisaglie ci sono già tutte.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
71
Shares
1 comment
  1. E la voce chioccia di Myrta, che si sovrappone solo a quelli che non si esprimono secondo il pensiero unico politicamente corretto dove la metti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

“Certo che può svegliare un cancro dormiente” L'allucinante intervista alla scienziata che ha contribuito a inventare il sacro siero: ammette quello che molti pensano, ma lo spaccia come fatto positivo

Next Article

"Meloni fa prendere a cinghiate i nostri ragazzi" Concita De Gregorio, l'allucinante editoriale in appoggio ai Gretini che imbrattano monumenti e bloccano le strade per un allarme inesistente

Related Posts