Guerra e sanzioni, aumentano gli italiani che si sono rotti le palle del tragico teatrino voluto dai signori della guerra di Washington

di Tommaso Carta per Il Tempo

Si incrina il sentimento pro-Ucraina tra gli italiani. Secondo l’ultima rilevazione realizzata da Ipsos per il Corriere della Sera, infatti, la maggioranza relativa degli intervistati, pari al 47%, oggi dichiara di non appoggiare nessuno dei due Paesi in conflitto.

A marzo, nelle prime settimane del conflitto, il 57% degli italiani invece si era schierato al fianco di Kiev, il 38 non prendeva posizione e solo il 5% parteggiava per Putin.

Se quest’ultima linea si è rafforzata di poco (oggi i «pro-Mosca» sono l’8% del campione) si è abbassata considerevolmente la percentuale di chi sostiene le ragioni di Kiev, dal 57 al 45%.

Non solo: cresce l’insofferenza per le sanzioni alla Russia che in qualche modo colpiscono l’export italiano. All’inizio del conflitto le sosteneva il 55% degli italiani, oggi il 46. La guerra, in ogni caso, resta un motivo di inquietudine per tre italiani su quattro. Il timore principale (53%) riguarda le conseguenze economiche del conflitto, mentre spaventa di meno l’ipotetico coinvolgimento dell’Italia nella guerra (19%) e l’arrivo dei profughi da Kiev (15%).

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
17
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Il carcere, le uscite, l’università e una nuova donna: Salvatore Parolisi se la spassa nonostante la condanna per l'omicidio della moglie Melania

Next Article

Gretini che hanno imbrattato il Senato, tutto come previsto: dopo l'arresto il classico giudice rosso ha addirittura superato nello schifo il Pm che ha in carico il fascicolo. Liberati con tutte le scuse

Related Posts