MIlano, tifoso marocchino accoltellato alla gola durante i festeggiamenti: trasportato in fin di vita all’ospedale

Migliaia di sostenitori della nazionale marocchina che sono scesi in strada a Milano a festeggiare con cori, bandiere e fumogeni di ogni colore. Tra la folla è scoppiata una lite che ha portato al ferimento di un 30enne: probabilmente un giovane di nazionalità marocchina ha subito una coltellata all’altezza della gola. In un primo momento le sue condizioni sono apparse gravissime. Areu, contattata da Fanpage.it, ha però detto che è stato portato in ambulanza al Policlinico di Milano in codice giallo. L’aggressore, invece, ha fatto perdere le sue tracce.

Sul campo la nazionale marocchina sta scrivendo la storia: con la vittoria per 1 a 0 sul Portogallo, è diventata la prima squadra africana ad arrivare alle semifinali di un campionato mondiale di calcio. E i tifosi dei Leoni dell’Atlante di tutto il mondo lo sanno bene. Tuttavia, i festeggiamenti hanno portato anche a diversi disordini, come un ragazzo con un estintore in mano fermato dalla polizia, un agente colpito da un oggetto lanciato e fuochi d’artificio sparati ad altezza d’uomo.

Con gli azzurri a casa, per propri demeriti sportivi, ora sono le bandiere rosse con il pentagramma verde al centro a colorare una delle vie più importanti del capoluogo lombardo. Lo avevano già fatto dopo la complicata vittoria contro il Canada, quella che ha decretato il passaggio dei gironi di qualificazione come prima in classifica.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui>https://t.me/capranews

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Mattarella positivo al covid? Crisanti ne approfitta per tirargli le orecchie con un sano inutile appello rivolto ai nostri anziani

Next Article

"10 gradi in meno in 48 ore" Meteo, Giuliacci lancia l'allarme: in queste regioni arriva il gelo da incubo

Related Posts