“Vieni che ti faccio fare il buffone” Pregliasco si presta da Giletti all’ennesima canzoncina idiota senza nemmeno rendersi conto che lo stanno prendendo per i fondelli

Canzone diversa rispetto allo scorso anno, ma copione identico con uno scopo ben definito: sollecitare gli italiani a vaccinarsi anche con la quarta dose. Così il virologo Fabrizio Pregliasco ha accettato l’invito di Massimo Giletti, intonando (si fa per dire) sulle note di “Tu scendi dalle stelle” una canzone per spronare i cittadini a prendere parte ancora una volta alla campagna di vaccinazione contro il Coronavirus. Il risultato è stato assai discutibile, tra l’attacco fuori tempo e l’intonazione che evidentemente si è persa per strada.

Pregliasco, ospite dell’ultima puntata di Non è l’arena su La7, si è reso protagonista di un siparietto con il conduttore. In memoria della canzone pro-vaccino cantata circa 12 mesi fa, si è deciso di fantasticare su una nuova versione per la quarta dose di vaccino: “Tu scendi dalle stelle vaccino bello, la quarta dose devi fare se il Natale vuoi festeggiar, la quarta dose devi fare se il Natale vuoi festeggiar“.

L’esibizione non è passata inosservata sui social, visto che più di qualche utente su Twitter ha mostrato lo sconcerto e la disapprovazione nei confronti del remake di “Tu scendi dalle stelle” in vista delle festività di Natale che arriveranno tra poco più di un mese. Sono molteplici le reazioni sul web: “Ridicoli“; “Rivoltante“; “Lo schifo totale“.

E c’è chi non ha rinunciato all’ironia: “Quando l’ho visto l’anno scorso già non volevo crederci. Ma il 2022 è volato, siamo a inizio novembre e il Natale è ormai alle porte. Pentavacciniamoci tutti subito per salvare il 2023“; “È bellissima. Pensa, io l’ho impostata come suoneria per tutti i rompicoxxxxxi che conosco. Così appena la sento so già che devo ignorare il telefono“.

D’altronde nulla di differente rispetto a dicembre 2021, quando i volti più noti della televisione in epoca Covid-19 (Andrea Crisanti, Matteo Bassetti e lo stesso Pregliasco) avevano cantano la versione pro-vaccini di Jingle Bells. Anche in quella occasione il responso fu disastroso dal punto di vista dell’intonazione. Nel caso di “Sì sì Vax” i virologi avevano invitato gli italiani a sottoporsi alla terza dose del vaccino “se vuoi andare al bar felice a festeggiar” e dando anche consigli come “se tranquillo vuoi stare i nonni non baciare“. Per trascorrere un buon Natale “vai a fare l’iniezione” perché con la terza dose “avrai feste gioiose“. Evidentemente le critiche e le polemiche dello scorso anno non sono bastate a scoraggiare il virologo…

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
9
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Cecchi Paone e rischi da vaccino, il professor Giovanardi gli ha riso in faccia come merita in diretta a Zona Bianca

Next Article

Fiorello torna con le dirette del mattino e subito vince facile: una strepitosa presa per i fondelli del titolo idiota sparato da Il Giornale

Related Posts