“La norma va ritirata” Serracchiani anche oggi riesce a far ridere gli italiani: si accoda a Letta dalla parte dei fancazzisti dei rave party

Debora Serracchiani, come tutti i compagni del Partito democratico, difende i rave party. Dopo il caso di Modena la sinistra si è sollevata prendendo le parti dell’illegalità. Non a caso la capogruppo dem alla Camera ha attaccato il governo di Giorgia Meloni. Il motivo? L’esecutivo ha deciso, in caso di raduni illegali, la confisca degli oggetti utilizzati durante l’occupazione, la reclusione da 3 a 6 anni, multe da 1.000 a 10.000 euro. Eppure per la Serracchiani non si tratta di una priorità.

“L’inflazione al 12 per cento, povertà e disuguaglianze in aumento, bollette alle stelle, ma la priorità del governo Meloni è l’introduzione di una norma che limita la libertà di riunione e che nulla c’entra con i rave, per i quali le norme già esistono e vanno applicate“. Addirittura arriva a definire il nuovo reato “un obbrobrio giuridico ed è lesivo dei principi costituzionali, a cominciare dallo strumento del decreto legge”.

Per di più – prosegue – “la fattispecie è così generica da poter essere applicata a qualsiasi mobilitazione dei cittadini e la pena è così elevata da consentire il ricorso alle intercettazioni”. Ecco poi la stoccata a Carlo Nordio: “Ma il ministro non voleva depenalizzare (e abbiamo un reato nuovo di larga applicazione) e non voleva ridurre le intercettazioni (e ne consentiremo di più)?”. Da qui la conclusione al vetriolo, o meglio, la sparata: “È chiaro il messaggio che la destra al governo dà al Paese: non tollereremo il dissenso. Tutto ciò è molto grave e in Parlamento daremo battaglia contro questa inaccettabile deriva da Stato di polizia. La norma va ritirata“.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Total
23
Shares
3 comments
  1. Ma il PD non è quella setta a cui piace tanto la prassi dell’eliminazione di qualsiasi diritto sociale e democratico nonché lo stato di polizia ?? Ma Serracchia…fai pace col tuo cervello, và !!!

  2. il problema è che questi scrupoli non vengono mai per tutelare il dissenso altrui. La norma in effetti pare scritta male e pensata peggio come ne discute avv. Nicosia al Tg20 di byoblu del 1° nov @9:29

  3. Hanno paura che le prossime feste dell’unità siano considerati rave party? Ah ah ah.
    Avete multato le persone perchè uscivano di casa nel lockdown senza la giustificazione scritta e adesso vi inalberate per le multe agli organizzatori di rave party? La norma è migliorabile? Sicuramente è scritta male ma è meglio della totale impassibilità dell’ scorso governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Enrico Letta ancora una volta riesce a farsi insultare dagli italiani: e' riuscito a contestare il decreto anti rave party

Next Article

“Non beveteli, causano infarti e problemi al cuore”. Scatta l’allarme per un prodotto sempre più diffuso: sono pericolosi soprattutto per i giovani

Related Posts