Accusa un malore durante una partita a padel e quando torna a casa si aggrava e muore poco dopo. La tragedia si è consumata a Racale nella serata di lunedì 12 settembre. La vittima si chiamava Genuino De Marco. Da tutti conosciuto come ‘Giggino’, aveva 54 anni ed era originario di Taviano, un paese limitrofo. E la sua morte ha lasciato sotto choc due comunità. L’uomo non soffriva di problemi di salute. Anzi era uno sportivo e si era appassionato a questo nuovo sport che tanto va di moda negli ultimi tempi.

L’uomo aveva così raggiunto il centro sportivo di tennis della cittadina del sud Salento e ha iniziato la sua partita in compagni di alcuni amici. A circa quaranta minuti dalla fine della gara, De Marco ha dovuto abbandonare anzitempo il campo per uno strano malessere che lo stava tormentando già da inizio partita. L’uomo è così rientrato a casa. Ma una volta arrivato, le condizioni di salute si sono ulteriormente aggravate: nausea e malori diffusi. Nel frattempo gli altri atleti (tra cui il compagno di squadra) che stavano disputando il match hanno rintracciato la compagna non avendo risposte dal 54enne. Ed è stata proprio la donna ad allertare i soccorsi non appena ha visto un peggioramento rapido dello stato di salute del compagno. L’arrivo del 118 è stato tanto tempestivo quanto infruttuoso.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Nonostante gli innumerevoli tentativi di rianimare il cuore di De Marco anche con l’utilizzo del defibrillatore per i soccorritori non c’è stato nulla da fare. L’uomo oltre alla compagna lascia due figli: Jessica e Matteo. La notizia dell’improvvisa dipartita si è presto diffusa tra familiari e amici dell’uomo nelle due comunità divise da pochi chilometri. Il 54enne era una persona solare, carismatica e dal carattere buono e mite. “Non riesco a dare una spiegazione ad una simile tragedia – spiega il sindaco Giuseppe Tanisi – io conoscevo personalmente la vittima e conservavo un bellissimo ricordo. Ora non possiamo fare altro che stare vicini alla sua famiglia”. Nella giornata di mercoledì 14 settembre chi vorrà potrà riservargli l’ultimo tributo. I funerali sono fissati per le 10 nella chiesa Beata Vergine Maria Addolorata di Mancaversa, marina di Taviano.