Voleva sbattere in galera chi rifiutava il siero: morto nel solito modo, a causa di un malore improvviso, l’ex Vice Sindaco di Cassino

Un malore improvviso che lo ha portato per 15 giorni a lottare per la vita. Luigi Russo, ex vice sindaco di Cassino ed ex Direttore Generale di Palazzo Gramsci a Frosinone, si è arreso alla morte nel pomeriggio di oggi. Era ricoverato a Roma, da quando un problema cardio-respiratorio lo aveva colpito all’improvviso. Non ha potuto riabbracciare la moglie Liberata, i figli Armando ed Antonio, il fratello Francesco, gli adorati nipotini e le nuore.

Una morte che lascia tristezza e un vuoto nel mondo della politica ciociara. Luigi Russo, gentiluomo come pochi e grande conoscitore delle dinamiche interne ai partiti, ha militato sin da giovane nel partito di Pietro Nenni del quale è stato allievo,

Consigliere comunale dal 1978 al 2001 ininterrottamente, e nel 2001 da terzo più votato in assoluto si è dimesso per far entrare il primo dei non eletti della lista.È stato vicesindaco dal 1988 al 1993, È stato presidente dell’Adisu e Direttore dell’azienda di promozione turistica della provincia di Frosinone, E ha chiuso la sua carriera da Direttore Generale della Provincia di Frosinone.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >
https://t.me/capranews

La salma di Luigi Russo farà rientro da Roma nella serata di giovedì 21 luglio nella chiesa di Sant’Antonio in piazza Diamare e qui resterà per una veglia fino alla mattinata di venerdì 22 luglio quando verranno celebrati i funerali.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

“I morti saliranno ancora” Pregliasco gioca ancora a fare terrorismo: non ha capito che cadendo il governo finalmente è finita la manfrina del covid

Next Article

Biden positivo, ma non si fa curare con la Tachipirina! E' uscito il primo bollettino della Casa Bianca: altro che le prescrizioni omicide della feccia agli ordini di Speranza

Related Posts