Bruxelles vuole tappare la bocca all’informazione indipendente! Approvato stanotte un provvedimento che può portare alla censura totale di chi offre notizie sul web

tratto da Byoblu

Raggiunto nella notte l’accordo tra il Consiglio e il Parlamento Europeo sul Digital Services Act, la legge che, così viene annunciata, per la prima volta al mondo avrà un forte potere regolatorio sulle grandi aziende tecnologiche. Nello specifico, secondo la definizione della legge stessa, su piattaforme digitali e motori di ricerca che abbiano più di 45 milioni di utenti attivi mensilmente.

La presidente della Commissione europea ha salutato l’accordo come un evento storico: “le nostre nuove regole proteggeranno gli utenti online, garantiranno libertà di espressione e opportunità per le imprese. Ciò che è illegale offline sarà effettivamente illegale anche online nell’UE. Un segnale forte per persone, aziende e paesi in tutto il mondo”, così ha esultato la Von der Leyen su Twitter.
Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Da quanto si legge nel comunicato pubblicato nelle scorse ore, la legge sembra indirizzata a evitare che le piattaforme digitali possano ospitare traffici illegali, frodi, messaggi violenti. E tenda inoltre a evitare la profilazione degli utenti e a proteggere i minori da contenuti inadeguati.

Ma come è noto, la strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni, e il timore è che dietro i nobili propositi delle gerarchie europee si nascondano scopi ben più prosaici, a cui la stessa Von der Leyen non ha mai fatto mistero di aspirare: cioè un intervento muscolare sulla diffusione di informazioni ritenute scomode o non funzionali agli scopi dei vertici europei.

Tra i diversi punti dell’accordo si trova infatti quello del cosiddetto “meccanismo di crisi”. A questo proposito il comunicato recita che: “Nel contesto dell’aggressione russa in Ucraina e del particolare impatto sulla manipolazione delle informazioni online, un nuovo articolo è stato aggiunto al testo introducendo un meccanismo di risposta alle crisi. Questo meccanismo sarà attivato dalla Commissione su raccomandazione del consiglio dei coordinatori nazionali dei servizi digitali. Consentirà di analizzare l’impatto delle attività delle piattaforme sulla crisi in questione e di decidere misure proporzionate ed efficaci da mettere in atto per il rispetto dei diritti fondamentali”.

Pur nel lessico ovattato e vago del testo, difficile leggere in questo punto qualcosa di diverso dalla volontà di esercitare uno stretto controllo sull’informazione. D’altra parte, una delle prime misure volute dalla presidente della Commissione Europea a seguito dell’intervento russo in Ucraina era stata proprio quella di silenziare le testate di RT e Sputnik, privando i cittadini europei del punto di vista russo sulla guerra in corso.

Proprio nei giorni scorsi, la legge ha incassato il sostegno di due pezzi da novanta del partito democratico americano. Barak Obama è infatti tornato prepotentemente sul tema dell’informazione online, e durante una conferenza alla Stanford University ha affermato che “la disinformazione è una minaccia per la nostra democrazia e continuerà ad esserlo a meno che non collaboreremo per affrontarla”. In contemporanea, Hillary Clinton ha scritto su Twitter: “Per troppo tempo, le piattaforme tecnologiche hanno amplificato la disinformazione e l’estremismo senza responsabilità. L’UE è pronta a fare qualcosa al riguardo. Esorto i nostri alleati transatlantici a spingere il Digital Services Act oltre il traguardo e rafforzare la democrazia globale prima che sia troppo tardi”.

Insomma, in uno stile che ormai abbiamo imparato a conoscere fin troppo bene, secondo cui il green pass equivale alla libertà e inviare armi serve alla pace non poteva mancare il concetto che la censura sia un servizio alla democrazia.

A seguito dell’accordo raggiunto a Bruxelles, il DSA dovrà essere ratificato dal Parlamento e dalla Commissione, una volta completato questo processo, il testo entrerà in vigore 20 giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Ue e le regole inizieranno ad applicarsi 15 mesi dopo.

Total
0
Shares
5 comments
  1. Ormai stiamo assistendo un delirio satanico,la libertà non esiste più,mi auguro che vengono i russi a liberarci ,Forza Putin gli italiani sono con te fino alla vittoria,o vince oppure si muore

  2. Poi ci si chiede perché si odiano i tedeschi,se chi li rappresenta è una come la von der leyen non dovrebbero stupirsi,peggio della Merkel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Isole Salomone: la minaccia di Biden alla Cina è esattamente la stessa di Putin con l'Ucraina. Trova le differenze: noi non ne vediamo

Next Article

Stefano Tacconi, malore improvviso! Ricoverato d'urgenza ad Alessandria: si trova in prognosi riservata

Related Posts