Professor Orsini, lo sfogo in diretta a PiazzaPulita: ecco chi sta facendo di tutto per tapparmi la bocca

Alessandro Orsini e lo sfogo a Piazzapulita: “Io quinta colonna di Putin? Vergognatevi”. Chi lo vuole censurare

“Lei che rapporti ha con la Russia?” Alessandro Orsini, professore associato nel Dipartimento di Scienze Politiche della Luiss viene intervistato da Corrado Formigli a “Piazzapulita“, durante la puntata di giovedì 24 marzo. Il prof è finito al centro di una “potente” bufera per le sue posizioni critiche nei confronti della Nato, da molti denunciate come filo-Putin. La goccia che ha fatto traboccare il vaso – già colmo – la revoca della Rai del contratto di collaborazione con “Cartabianca”, la trasmissione condotta da Bianca Berlinguer.  

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Io quinta colonna di Putin? È una grandissima vergogna, sul mio sito non c’era nessun elogio del vaccino Sputnik. I miei rapporti con la Russia? Non ho mai messo piede in Russia e non ho un amico russo” si sfoga il prof con Formigli che lo definisce appestato. “Su di me menzogne e calunnie, tra queste quella secondo cui sarei avido: da quando sono venuto l’ultima volta a Piazzapulita, il 3 marzo scorso, ho rinunciato a 30mila euro di compensi. Di tutte le trasmissioni che mi avevano offerto un compenso economico, ho accettato Cartabianca, che mi offriva il più basso. Le mie analisi sulla guerra in Ucraina hanno toccato consorterie potenti che si stanno coalizzando per colpirmi: innanzitutto il governo, di cui sono stato sostenitore e teorico”.

“Ho sempre sostenuto il governo Draghi quando ha fatto delle politiche di pace – spiega – ad esempio in Libia quando si rifiutò di dare le armi a Tripoli, per non creare una escalation militare. Tuttavia in Ucraina ha fatto una scelta opposta: questo perché il governo italiano non vuole che scoppi l’inferno in Libia, altrimenti l’Italia sarebbe travolta, mentre l’Ucraina è lontana. Non mi reputo una vittima, ma non ho paura di ci mi attacca. Come il Corriere della Sera – prosegue Orsini – che mi ha messo in bocca parole che mai ho pronunciato. Ha scritto sul sito che non ho mai chiaramente condannato Putin, una grandissima menzogna, io ho sempre fermissimamente l’invasione di Putin, ho sempre detto che Putin è l’aggressore e che Zelensky è l’aggredito e che sono totalmente schierato con l’Ucraina”.

Total
0
Shares
4 comments
  1. L’Occidente è praticamente DEFUNTO:

    Il desiderio dei paesi occidentali di restituire un mondo unipolare è solo un’illusione. Lo ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

    Ha espresso questa opinione il 25 marzo durante un incontro con il presidente dell’Abkhazia Aslan Bzhaniya.

    “Il desiderio dell’Occidente di mantenere il proprio dominio negli affari internazionali, di soggiogare tutto e tutti e restituire un mondo unipolare è, ovviamente, un’illusione “, afferma il ministro.

    Ha sottolineato che tali aspirazioni dei paesi occidentali causano “serie tensioni nelle relazioni internazionali”.

    “Il desiderio dell’Occidente di restituire un mondo unipolare lo contrastiamo insieme ai nostri partner e alleati “, ha concluso Lavrov.

  2. quando emerge che “l’aggredito” ha provocato “l’aggressore”, quest’ultimo costretto ad attaccare a tutels delle minoranze perseguitate e per la propria sicurezza (l’Ucraina, una Nazione con laboratori di armi batteriologiche che ospitava esercitazioni Nato), è palese che il giudizio finale non può essere bianco o nero, come in maniera ipocrita sta facendo il governo e i media sovvenzionati da fondi pubblici…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Ma a voi del Corriere lo hanno detto che si combatte da 8 anni?" Liguori, una lezione di giornalismo onesto in diretta tv a Labate, il leccapiedi governativo per eccellenza

Next Article

Biden scalpita per portare la guerra in Europa! Le sue parole sulle armi chimiche fanno venire in mente le false fialette usate per devastare l'Iraq

Related Posts