Zelensky alla Camera, si allunga lista dei deputati che annunciano pubblicamente di non partecipare valla buffonata voluta da Fico

Cinque Stelle, ex grillini passati in altri gruppi parlamentari, leghisti. A collegare in un immaginario filo queste componenti è il “putinismo” che spingerà alcuni parlamentari a dare forfait domani mattina a Montecitorio, dove è atteso il discorso in videocollegamento di Volodymyr Zelensky, il presidente ucraino che da settimane sta guidando il suo Paese nella guerra contro l’invasione russa.

Non si tratta infatti di una questione di spazi e di Covid: per l’occasione, Zelensky è il terzo capo di Stato estero a parlare alla Camera dopo re Juan Carlos di Spagna e papa Giovanni Paolo II, il presidente della Camera Roberto Fico aveva deciso di utilizzare tutti gli spazi disponibili (comprese le tribune) per ospitare i parlamentari, come fatto per il giuramento di Sergio Mattarella.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

È infatti un ‘no’ ideologico quello che arriverà dai deputati che già giovedì scorso non avevano votato il decreto Ucraina e dai senatori che faranno lo stesso al testo in arrivo a Palazzo Madama.

Alcuni nomi sono già noti e certi, come spiega Repubblica. È il caso del leghista Simone Pillon, impegnato martedì in una missione a Londra in occasione della nascita della fondazione dedicata a Tafida Raqeeb ma che ha comunque espresso “forti perplessità” sulla videoconferenza  di Zelensky  perché “dovremmo collocarci in una posizione adeguata per promuovere la pace” e “vendere armi a una delle parti in conflitto non favorisce il dialogo”

C’è poi il caso della pentastellata Enrica Segneri, che assieme al collega Gabriele Lorenzoni aveva votato contro il decreto e che ha definito “inopportuno” il discorso del leader ucraino a Montecitorio. In dubbio anche la partecipazione di Nicola Grimaldi, deputato 5 Stelle che aveva chiesto in una sorta di ‘par condicio’ applicata alla guerra di ospitare anche il presidente russo Vladimir Putin. Nell’elenco dei parlamentari che non dovrebbero partecipare ci sono anche due ex pentastellati passati in Forza Italia, Veronica Giannone e Matteo Dall’Osso: “Sono orientato a non esserci, si dà visibilità solo a una parte. Anche Vladimir Putin in Aula? Chi lo chiede fa bene!”, spiega quest’ultimo.

Si sfila ovviamente Emanuele Dessì, ex grillino ora nel Partito Comunista di Marco Rizzo, tornato recentemente dalla Bielorussia fida alleata di Putin nella guerra in Ucraina. “Alla Camera né Zelensky, né Putin”, è il leitmotiv di Gianluigi Paragone, che dopo i 5 Stelle ha fondato Italexit, mentre è improbabile anche la presenza di Vito Comencini, il leghista che nei giorni scorsi era andato a San Pietroburgo con l’intenzione di partire per il Donbass. Si sfilerà sicuramente Vito Petrocelli, il ‘compagno Petrov’ presidente della Commissione Esteri del Senato e noto per le sue posizioni filo-russe e filo-cinesi. “Sarebbe stato doveroso ascoltare anche la voce della controparte russa”, ha spiegato invece la senatrice Bianca Laura Granato, ex 5 Stelle ora nel Gruppo Misto, che non sarà presenta in Aula.

Quanto all’intervento di Zelensky, che sarà trasmesso in diretta su Rai1, dovrebbe durare circa quindici minuti: prima del presidente ucraino prenderanno la parola per due minuti a testa i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Casellati, mentre dopo Zelensky sarà il turno del premier Mario Draghi.

Total
0
Shares
2 comments
  1. UE: un miliardo all’Ucraina per acquisto di armi – L’Unione europea aumenterà il suo aiuto finanziario all’Ucraina per l’acquisto di armi a un miliardo di euro. Lo ha indicato la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, arrivando al Consiglio Affari esteri a Bruxelles. https://www.imolaoggi.it/2022/03/21/ue-un-miliardo-allucraina-per-acquisto-di-armi/
    E’ un continuo gettare carburante sul fuoco, vogliono l’atomica a tutti i costi?

  2. Addio contante!
    Sulla via della setosa “cinesizzazione” e per il controllo totale, ecco in arrivo per voi l’ IDPAY! Mo vie’ er bello! Mo’ so uccelli senza zucchero! Siete d’accordo? Vi piace? Allora ok tutti zitti e buoni.
    E se sei un cittadino birichino… ti blocco anche la “tessera elettorale digitaleeee”. Allegriiaaa!
    Ps: tanto che vi frega a votare non ci andavate più! (Certo è inutile andare, soprattutto se si vota male)
    https://sfero.me/article/in-arrivo-idpay-mo-so-uccelli-senza-zucchero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Ucraina, l'esercito inizia a scricchiolare sotto i colpi della Russia: per la prima volta costretti ad ammettere forti perdite e scarsità di munizioni

Next Article

"Vi spiego il vero obiettivo di Putin" Il professor Orsini ancora una volta si dimostra controcorrente rispetto alle idiozie quotidiane del pensiero unico

Related Posts