La Cina mette all’angolo gli Usa: le parole che Xi Jinping ha rivolto a Biden sono chiarissime

Ventitreesimo giorno di invasione russa dell’Ucraina. Non si fermano gli attacchi delle forze del Cremlino sugli obiettivi civili, ma la diplomazia continua a lavorare. Oggi è il giorno dell’incontro tra i presidenti degli Stati Uniti e della Cina Joe Biden e Xi Jinping, forse decisivo per cercare una mediazione. Washington sta alzando se possibile la temperatura dello scontro, ribadendo la definizione di Vladimir Putin come “criminale di guerra“. “Stiamo raccogliendo le prove, non si fermerà”, assicurano dalla Casa Bianca. Sul campo, si segnalano esplosioni nella città di Leopoli, nell’Ucraina occidentale, non distante dal confine polacco e fin qui risparmiata dalle bombe. Secondo il sindaco della città, che ha oltre 700mila abitanti, le deflagrazioni sarebbero state provocate dai missili russi che sarebbero caduti nella zona dell’aeroporto.

Xi a Biden, “assumiamoci la responsabilià della pace globale”
“In quanto membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e delle due maggiori economie, Cina e Stati Uniti non dovrebbero solo guidare le relazioni bilaterali perché si sviluppino lungo la strada giusta, ma anche assumersi la responsabilità internazionale di mantenere la pace globale“. E’ quello che ha detto il presidente cinese Xi Jinping al presidente degli Stati Uniti Joe Biden nel corso della loro telefonata, secondo quanto riferisce il Global Times.

Xi, “guerra non è nell’interesse di nessuno”
E’ iniziata la videochiamata tra il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e il presidente cinese Xi Jinping. Lo ha annunciato un funzionario della Casa Bianca. Ovviamente c’è l’Ucraina al centro dei colloqui. Secondo la tv cinese, il presidente Xi ha affermato che “un conflitto (non è) nell’interesse di nessuno“. Stati Uniti e Cina, secondo lui, devono compiere sforzi per mantenere la pace globale.

Xi a Biden, “non possiamo arrivare al punto di scontro” 
Le relazioni tra Cina e Usa non possono arrivare alla fase dello scontro, che non è nell’interesse di nessuno. Lo ha dichiarato il presidente cinese, Xi Jinping, nel corso del colloquio in videoconferenza con l’omologo Usa, Joe Biden, in riferimento alla crisi in Ucraina. “La crisi ucraina è qualcosa che non vogliamo vedere”, ha detto Xi, citato dal Quotidiano del Popolo, organo di stampa del Partito Comunista Cinese. “Gli eventi mostrano ancora una volta che le relazioni tra Stati non possono arrivare al punto di scontro. Conflitto e confronto non sono nell’interesse di nessuno”, ha scandito il presidente cinese, aggiungendo che “la pace e la sicurezza sono i tesori più preziosi della comunità internazionale.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Total
0
Shares
6 comments
  1. Biden dopo soli 37 giorni dal suo insediamento dava l’ok a bombardare la zona orientale della Siria..

    come si può pretendere che un vecchio rincoglionito, per giunta americano, possa comprendere le parole di Xi Jinping

    1. Avete scritto che Putin attacca obiettivi civili? Niente di più falso.persegue obiettivi militari e colpisce su magazzini militari ucraini che hanno i nazisti di Azof.dite la verità è che stanno aiutando la popolazione.portando aiuti umanitari cibo e tutto ciò che occorre.aprono corridoi umanitari che i nazionali cercano di impedire..

  2. Gli usa assieme alla Cina e Russia hanno sconfitto il nuovo ordine mondiale. Ora fanno solo mosse e contromosse per far credere ad altri stati del mondo del nuovo prossimo governo mondiale ma, nulla è vero. A breve con gli accordi tra i cugini russi e ucraini si ritorna ante al 2020. Così il mondo è salvo e vivrà per i successivi 4/500 anni di splendore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Agli Usa non frega nulla degli Ucraini: la loro nazione è solo una pedina fondamentale per il solito sporco gioco. Il fisico Rovelli a PiazzaPulita

Next Article

"Pronti a inventare l'emergenza razionamenti" È il governo degli incapaci totali: Draghi e Salvini preparano a lanciare un nuovo allarme

Related Posts