Di Maio, dai gilet gialli a pappagallo della Nato: la sua informativa alla camera ripete esattamente le parole d’ordine dei guerrafondai Yankee

L’informativa del ministro degli Esteri alla Camera: “L’Occidente compatto per chiedere a Mosca di fermarsi, le condizioni di Kiev appaiono disperate. Condanniamo l’iso delle bombe a grappolo sulla popolazione”. Il presidente della Camera, Fico: “È necessario aiutare la resistenza e fermare l’aggressione”.

“Sono trascorse tre settimane dall’avvio di quella che Mosca continua a definire una operazione militare speciale, lanciata contro l’Ucraina nella notte del 24 febbraio. In realtà si tratta di una guerra di aggressione non provocata, ingiustificabile e contraria alle più elementari norme del diritto internazionale. E sta provocando la più grave catastrofe umanitaria in Europa dal secondo dopoguerra ad oggi”. Inizia così alla Camera l’informativa del ministro degli Esteri Luigi Di Maio sul conflitto in Ucraina. E dopo tre settimane di bombardamenti, l’offensiva russa non si ferma, “prosegue senza sosta e senza alcun rispetto per le norme di diritto internazionale umanitario”. Il presidente ucraino Zelensky “in questi giorni ha lanciato chiari segnali di apertura al dialogo. Spetta adesso a Putin dimostrare che vuole raggiungere un accordo”, continua il ministro.

“Condanniamo l’uso di bombe a grappolo sulla popolazione”

Le truppe russe “assediano città come Kharkiv, Mariupol, Kherson, Odessa e Sumy, su tre lati dei confini dell’Ucraina. Un’operazione concentrica che converge verso la capitale Kiev, le cui condizioni appaiono ormai disperate. I bombardamenti si sono ormai estesi anche alle città dell’Ucraina occidentale: a Leopoli, dove opera la nostra Ambasciata, e a Ivano Frankivsk. Zone a pochi chilometri dal confine polacco, vale a dire da Ue e Nato – dice Di Maio in Aula ricostruendo l’attuale situazione in Ucraina – Le Nazioni Unite hanno ricevuto rapporti attendibili sull’uso di munizioni a grappolo da parte delle forze russe, anche nelle aree popolate. Condanniamo fermamente l’uso di queste armi odiose, bandite a livello internazionale: colpiscono indiscriminatamente anche la popolazione civile”.

“Occidente compatto per chiedere a Mosca di fermarsi”

L’Italia condanna l’uso di queste armi e l’invasione russa e insieme a “tutta la comunità euro-atlantica sono più compatte e determinate che mai nel sostegno all’Ucraina, alla sua popolazione e alla sua resistenza verso l’aggressore russo. Stiamo imponendo quei costi pesantissimi che Mosca sapeva avrebbe patito se avesse imboccato questa strada insensata e assurda – continua Di Maio – Non manchiamo occasione per richiamare con la più assoluta fermezza la Russia alla cessazione immediata di ogni attacco, anzitutto quelli che hanno interessato centrali nucleari. Condanniamo con veemenza ogni ulteriore violazione di obblighi internazionali in materia di sicurezza nucleare”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Total
0
Shares
2 comments
  1. Gli amici del NAZZISTA LUTTWACK e di italy MEDIASION FAKE NEWS:

    I mercenari NAZZISTI sopravvissuti ai BOMBARDAMENTI GIUSTISSIMI dell’esercito russo si lamentano del terribile atteggiamento degli ucraini nei loro confronti e dell’inutilità di venire nel paese

    Per molto tempo siedono senza meta vicino a Kiev e non ricevono nemmeno armi.

    VIDEO: https://t.me/RVvoenkor/3938

  2. Marcia indietro di Germania, Olanda, Francia e Austria sulle sanzioni alla Russia Come sul GreenPass l’Italia va avanti verso il suo inesorabile suicidio. Draghi: ” stiamo studiando ulteriori sanzioni “. UN POPOLO COSI FOLLEMENTE STUPIDO COME QUELLO ITALIANO; NON MERITA ALTRO CHE L’ESTINZIONE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Parenzo? Ma per piacere, non merita nemmeno una risposta" Topo Gigio umiliato come merita in diretta tv

Next Article

Armi italiane all'Ucraina, ecco il piccolo manipolo di parlamentari che hanno osato votare contro la decisione del governo

Related Posts