Sono otto anni che il “Clan Biden” spolpa le ricchezze Ucraine: ecco a chi si riferisce Putin quando parla di “drogati e nazisti”

Joe Biden con il figlio Hunter nel 2010. (AP Photo/Nick Wass, File)

tratto dal blog di Maurizio Blondet

Il cambiamento di regime a Kiev del 2014 fu organizzato dagli Straussiani (neocon). L’allora vicepresidente Biden vi s’impegnò risolutamente. Victoria Nuland (j, moglie di Robert Kagan straussiano) si recò in Ucraina per sostenere gli elementi neonazisti del Settore Destro e supervisionare il commando israeliano “Delta” in piazza Maidan. Un’intercettazione telefonica rivelò il suo auspicio «in culo all’Unione Europea» (sic), nella tradizione del rapporto Wolfowitz del 1992. Ma i dirigenti dell’Unione Europea non capirono e si limitarono a deboli proteste.

“Jake” Sullivan e Antony Blinken sistemarono il figlio del vicepresidente Biden, Hunter, nel consiglio di amministrazione di una delle più importanti società di gas, Burisma Holdings, nonostante l’opposizione del segretario di Stato John Kerry. Hunter Biden è un eroinomane che servirà da paravento a una gigantesca truffa a danno del popolo ucraino. Sotto la sorveglianza di Amos Hochstein, il figlio di Biden individuerà parecchi suoi compagni di sballo per farne altri uomini di paglia a capo di diverse società, così da saccheggiare il gas ucraino.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Sono costoro che il presidente Putin ha definito «cricca di drogati».

Sullivan e Blinken si appoggiano al padrino mafioso Ihor Kolomoïnsky, che possiede la terza ricchezza del Paese. Ebreo, finanzia i duri del Settore Destro, organizzazione neonazista che lavora per la Nato e si batté in piazza Maidan al momento del “cambiamento di regime”.

Kolomoïnsky approfitta delle sue entrature per prendere il potere nella comunità ebraica europea, ma altri della sua stessa parrocchia si oppongono e lo espellono dalle associazioni internazionali. Ciononostante riesce a far nominare il capo del Settore Destro, Dmytro Yarosh, vicesegretario del Consiglio Nazionale di Sicurezza e Difesa ucraino e a farsi nominare governatore della regione di Dnipropetrovsk.

È il loro gruppo che il presidente Putin ha definito «cricca di neonazisti».

Nel 2017 Blinken fonda WestExec Advisors, società di consulenza di cui fanno parte ex alti funzionari dell’amministrazione Obama e molti Straussiani. L’attività di questa società è estremamente discreta. Utilizza le relazioni politiche degli adepti per fare soldi: ciò che in ogni Stato di diritto sarebbe chiamato corruzione.

I NEOCON SEMPRE UGUALI A LORO STESSI

Con il ritorno di Joe Biden alla Casa Bianca, questa volta come presidente degli Stati Uniti, gli Straussiani (neocon) governano l’insieme del sistema. Sullivan è consigliere nazionale per la Sicurezza, Blinken è segretario di Stato e al suo fianco c’è Victoria Nuland come sottosegretaria. Come ho riferito nei precedenti articoli, a ottobre 2021 Nuland si reca a Mosca e minaccia di schiacciare l’economia della Russia se questa non si mette in riga. È l’inizio dell’attuale crisi.

A Kiev la sottosegretaria di Stato Nuland tira fuori di nuovo Dmitro Yarosh e lo impone al presidente Zelensky, ex attore televisivo protetto da Ihor Kolomoïsky, che il 2 novembre 2021 lo nomina consigliere speciale del capo delle forze armate, generale Valerii Zaluzhnyi. Quest’ultimo, autentico democratico, inizialmente si oppone, alla fine accetta. Interrogato dalla stampa sulla sorprendente coppia che forma con Yarosh, Zaluzhnyi si rifiuta di rispondere e allude a un problema di sicurezza nazionale. Yarosh offre tutta la sua collaborazione al “führer bianco”, colonnello Andrey Biletsky, e al suo Battaglione Azov. Dall’estate 2021 questa copia della divisione SS Das Reich è inquadrata da ex mercenari statunitensi di Blackwater.”

Conclusione di Meyssan:

“l’aspirazione della Russia è comprensibile, perfino auspicabile. Sbarazzare il mondo dagli Straussiani significherebbe rendere giustizia agli oltre milione di morti che hanno causato e salvare quelli che s’apprestano ad ammazzare. Resta da vedere se l’intervento militare in Ucraina è il mezzo appropriato.

In ogni caso, se la responsabilità degli avvenimenti in corso cade sugli Straussiani, anche tutti coloro che li hanno lasciati agire senza intervenire ne portano la responsabilità. A cominciare da Germania e Francia, che sette anni fa firmarono gli Accordi di Minsk e non hanno fatto nulla per farli rispettare; in secondo luogo la cinquantina di Stati che, sebbene firmatari delle dichiarazioni dell’OSCE che vietano l’estensione della Nato a est della linea Oder–Neisse, non hanno fatto nulla. Solo Israele, che si è sbarazzata dei sionisti revisionisti, ha espresso una posizione non categorica sugli avvenimenti”.

Invece, i neocon – protagonisti del Male – sono riusciti a scatenare, forse, la Terza Guerra Mondiale. Avendo messo al potere un Biden demente, che dice frasi come: “Putin può circondare Kiev coi tank, ma non conquisterà mai i cuori e le anime del popolo iraniano”.

Total
0
Shares
1 comment
  1. gli Stati Uniti, un paese prossimo al fallimento, cercano di depredare le materie prime altrui spostandosi sempre più ad est, poi con il pretesto di portare democrazia nel mondo sganciano bombe per arrivare a firmare accordi a loro favore, come per es “oil for food”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Obbligo solo per gli italiani! Ai profughi dall'Ucraina sarà derogato il super GreenPass: Zaia lo ha già richiesto espressamente (per consentire alle aziende Venete di sostituire i dipendenti attualmente sospesi)

Next Article

Obbigo Over50, dai ieri è diventato legge grazie all'ennesimo tradimento di Salvini: per il Capitone gli alibi sono finiti. È della stessa pasta della feccia rossa

Related Posts