“Bergoglio è nelle mani di Soros e Bill Gates” Il cardinale Mueller lancia un vero e proprio anatema contro chi tira le fila della dittatura sanitaria globale

Nina Fabrizio per www.quotidiano.net

Con la sua stazza di omone alto quasi 2 metri, la veste rossa fino ai piedi, una vistosa croce d’oro al collo e una semplice mascherina chirurgica sul volto, aveva fatto il suo ritorno in pubblico dopo lungo ritiro dalla socialità solo una decina di giorni fa, alla presentazione dell’ultima biografia del suo Papa-mentore, Benedetto XVI-Joseph Ratzinger.

Un evento-tributo partecipatissimo tra condanne del sinodo tedesco e della stretta imposta da Francesco alle messe in latino che ha radunato in una affollata sala della Capitale il gotha dei conservatori romani delle due sponde del Tevere (presenti anche Gianni Letta, Pierferdinando Casini, monsignor Georg Gaenswein), appuntamento riservato ai detentori di Green pass. In quella occasione – promossa con sgarbo istituzionale mentre il Papa ‘regnante’ Francesco era in missione tra i rifugiati di Lesbo – il cardinale tedesco Gerhard Mueller era rimasto silente. Per far sentire il suo pensiero sulla lunghezza d’onda dei filoni complottisti, ha atteso ieri quando ha rilasciato un’ampia intervista intrisa di retorica no vax all’Istituto austriaco San Bonifacio.

La pandemia, a suo dire, è stata utilizzata da personaggi come George Soros e Bill Gates per creare “uno stato di sorveglianza globale”. Per il cardinale che ha subito anni fa un brusco siluramento da parte di Bergoglio, le elite finanziarie mondiali stanno usando la pandemia e le misure adottate dai governi per contrastarla per sottoporre le persone al “controllo totale” consentendo così ai super ricchi di “cogliere un’occasione per mettere la gente in riga”.

Affermazioni che non si discostano molto da quelle di tanti vescovi e prelati no vax, soprattutto americani, campioni del tradizionalismo conservatore, come l’ex nunzio a New York monsignor Viganò, capofila degli oppositori di Francesco.

L’ex nunzio mai creato cardinale è arrivato a negare l’esistenza del Covid e a incitare i fedeli a partecipare in massa alle manifestazioni e ai raduni no vax e no Green pass. Posizioni di totale imbarazzo per la Chiesa di Francesco, Papa che ha sposato la causa dell’immunizzazione dettando la linea contro il “suicidio negazionista” già dal Natale scorso.

Una posizione poi continuamente reiterata, ribadita alla vigilia dell’introduzione del Super Green pass anche dal segretario di Stato vaticano, il cardinale Parolin e sposata dalla Cei che però, nei confronti dei sacerdoti non immunizzati, stante che per andare a messa non serve il Green pass, si è limitata a raccomandare la vaccinazione e semmai a non partecipare a celebrazioni con troppi fedeli.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Bill & Melinda Gates Foundation.

    Una fondazione privata americana di Bill Gates e Melinda Gates.

    Nata nel 2000 è la più grande fondazione privata del mondo, con $ 50,7 miliardi di attività.

    Gli obiettivi della fondazione, migliorare l’assistenza sanitaria. Per questo Bill Gates ha investito ingenti somme in particolare sulla ricerca di vaccini.

    Casualità. Nell’ottobre 2019 la fondazione ha richiesto al Johns Hopkins Center for Health Security in collaborazione con il World Economic Forum, la simulazione di una pandemia detta “Event 201”.

    Questa simulazione ha generato molti dubbi sul reale scopo del test considerato che la simulazione è avvenuta in anticipo di alcuni mesi rispetto la pandemia di Covid scoppiata in Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Le nuove varianti potrebbero essere state generate da questo vaccino" L'importante genetista dà ragione a quello che disse un anno fa il Nobel Montagnier

Next Article

Regione gialla da oggi a mezzanotte! Speranza firma Er lunedì, Zaia anticipa e blinda l'intero Veneto

Related Posts